Torta di riso

La torta di riso è un dolce tipico emiliano, morbido e profumato. È una ricetta tradizionale che non richiede l'utilizzo della farina, del burro né dell'olio.
4,8/5 Vota
Su un totale di voti: 48
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 120 min
Difficoltà Facile
Porzioni 8
Costo Medio

La torta di riso è un dolce tipico della tradizione emiliana, in particolare della città di Bologna. 

Qui infatti viene preparata fin dal sedicesimo secolo soprattutto durante il mese di maggio, in occasione del Corpus Domini: questa celebrazione fa parte della della festa degli addobbi, così chiamata perchè, proprio in segno di festa, i bolognesi erano soliti appendere alle finestre dei drappi colorati (gli addobbi) e regalare questo dolce.

La torta di riso, o appunto, torta degli addobbi ha una ricetta originale depositata presso la Camera di Commercio di Bologna dal 2005, ma, come sempre accade per le ricette tipiche, ogni famiglia ha la sua di riferimento a cui è indiscutibilmente legata: si trovano delle variazioni circa alcuni ingredienti e soprattutto nelle dosi.

La mia nonna  di origini emiliane, per esempio, usava uvetta al posto del cedro candito che faceva marinare nel liquore alle mandorle.
Chi la prepara con amaretti, chi non aggiunge il liquore e lo sostituisce con succo d'arancia.

In ogni caso la cosa certa è che si tratta di un dolce molto buono, morbido al morso, aromatico e ricco nonostante sia priva di farina, di lievito e soprattutto senza burro né olio!

Il segreto per una perfetta riuscita sta nella cottura lenta del riso nel latte, fino a creare una crema densa, morbida e profumata che viene unita poi all'impasto. 
Va provata senza indugio: seguiteci nella preparazione!

Categoria: Torte

latte 900 ml di latte intero
zucchero 50 g di zucchero vanigliato
limone la scorza grattugiata di 1 limone
sale 1 pizzico di sale
riso 200 g di riso (arborio o vialone nano)
uovo 4 uova medie (o 3 grandi) a temperatura ambiente (120 g peso con il guscio)
zucchero 200 g di zucchero di canna integrale (o zucchero caramellato)
mandorle 100 g di mandorle pelate
cedro 70 g di cedro candito a dadini
mandorle 2 bicchierini di liquore di mandorle amare

Preparazione

Come fare la Torta di riso dolce emiliana

Torta di riso - P1
Torta di riso - P2

Versate in una casseruola il latte, lo zucchero vanigliato, la scorza di limone e un pizzico di sale: portate ad ebollizione, quindi abbassate la fiamma al minimo, aggiungete il riso e fate cuocere a fuoco lento per 50-60 minuti in modo che il riso assorba quasi tutto il latte divenendo cremoso. [1] Mescolate di tanto in tanto in questa fase. 
Trasferite il riso in una terrina e fate raffreddare mescolando un paio di volte: vedrete che il liquido rimasto sarà completamente assorbito. [2]

Torta di riso - P3
Torta di riso - P4

Montate le uova con lo zucchero di canna integrale per almeno 10 minuti con le fruste elettriche [3], quindi incorporate il riso con una spatola con movimenti delicati. 
Aggiungete anche le mandorle tritate finemente [4], il cedro candito e un bicchierino di liquore. Mescolate.

Torta di riso - P5
Torta di riso - P6

Versate l'impasto in una tortiera di 28 cm imburrata e infarinata [5] e fate cuocere in forno già caldo, statico, a 180 °C per 50 minuti: la superficie deve avere un bel colore ambrato scuro. 
Sfornate la torta, punzecchiatela con uno stuzzicadenti e spennellate la superficie con il resto del liquore. [6]
Fate raffreddare completamente prima di tagliare e servire. 

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 48, Media voti: 4.8

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    La torta di riso si conserva in frigorifero per 3-4 giorni sigillata con pellicola, stagnola o in un contenitore a chiusura ermetica, ma non va consumata fredda.
    Si sconsiglia la congelazione.

    Come tipologia di riso è preferibile utilizzare arborio, vialone nano, roma o originario.

    Se non volete una versione alcolica del dolce potete omettere l'ultimo passaggio della ricetta, ovvero spennellare la torta con il liquore una volta sfornata: vi discosterete un poco dalla versione originale e avrete una torta con un profumo e una umidità meno intensa, ma la sua bontà sarà comunque garantita.

    Secondo la tradizione emiliana, la torta va tagliata a rombi, ma ovviamente potete anche optare per il classico taglio a fetta o a quadratini.  
    E' importante far riposare la torta prima del taglio: alcuni sostengono sia necessario un riposo in frigorifero di un giorno, altri non sono dello stesso avviso. In ogni caso attendete almeno 4-5 ore. 

    VARIANTI
    Se non avete o non trovate il tipico liquore alle mandorle amare, potete usare un liquore all'amaretto o in alternativa, per rimanere comunque in casa emiliana, il Sassolino.

    E' opzionale inserire in ricetta anche qualche amaretto sbriciolato: se decidete di aggiungerli agli altri ingredienti, dovrete farlo nel quarto passaggio.

    La ricetta tradizionale prevede l'uso dello zucchero caramellato: noi abbiamo usato lo zucchero di canna integrale per avere un sapore similmente caramellato e un colore ambrato.
    Potete usare in alternativa anche il classico zucchero semolato.

    Se non vi piace potete omettere il cedro candito, discostandovi un poco dalla ricetta originale emiliana.

    Curiosità

    La ricorrenza degli Addobbi serviva per festeggiare ogni decennio della propria parrocchia: i parrocchiani decoravano le case, i balconi e le finestre con drappi colorati e aprivano le loro case ai vicini, offrendogli la torta di riso, che veniva generalmente tagliata a fettine a forma di rombo.

    La video ricetta del giorno

    Potrebbero interessarti anche