Gnocchetti tricolore

Gli gnocchetti tricolore sono una di quelle ricette che portano subito in tavola una ventata di allegria e una sferzata di buon umore!
Quei colori così caldi e accesi invogliano tutti all'assaggio, bambini compresi.

A questo proposito dunque questi gnocchetti sono una idea per far loro mangiare una buona razione di verdure: l'impasto è quello classico degli gnocchi di patate come base a cui aggiungere barbabietola per la colorazione rosa, spinaci per il verde e curcuma per il giallo. 
Certo la curcuma non è una verdura, ma è talmente ricca di proprietà positive per il nostro organismo che non dovrebbe mai mancare in cucina!

La ricetta non è difficile, ma richiede alcune accortezze, soprattutto nella scelta e nella lavorazione delle patate: andate a leggere i nostri consigli prima di mettervi al lavoro. 

Categoria: Gnocchi

4,6/5 Vota
Su un totale di voti: 18
  Photo credits:
Tempo 90 min
Difficoltà Media
Porzioni 8
Costo Basso

Ingredienti per 6-8 persone

patata 1 kg di patate
spinaci 100 g di spinaci freschi
barbabietola 50 g di barbabietola cotta
farina 300 g di circa di farina 0
curcuma 2 cucchiaini di curcuma
PER CONDIRE PER CONDIRE
ricotta 200 g di ricotta
panna 120 ml di panna fresca da cucina
barbabietola 50 g di barbabietola cotta
parmigiano q.b. parmigiano
sale e pepe q.b. sale e pepe
noce moscata q.b. noce moscata

Preparazione

Come fare gli gnocchetti tricolore

Gnocchetti tricolore - P1
Gnocchetti tricolore - P2

Lavate le patate, pelatele e tagliatele a pezzettoni. [1]
Salate con un pizzico di sale grosso e fate cuocere le patate a vapore, nella pentola a pressione per 8-10 minuti dal fischio, quindi fate sfiatare tutto il vapore e scolatele. [2]

Gnocchetti tricolore - P3
Gnocchetti tricolore - P4

Schiacciate le patate ancora calde con lo schiaccia patate e fate raffreddare completamente. [3]
Fate cuocere gli spinaci in padella con un pizzico di sale e solo un goccio di olio con il coperchio, senza aggiungere acqua, per 5-8 minuti mescolando un paio di volte. Fate raffreddare in un colino, quindi strizzate molto bene e passate al minipimer ottenendo un trito fine e asciutto. [4]

Gnocchetti tricolore - P5
Gnocchetti tricolore - P6

Frullate la barbabietola e tenetene da parte metà (50 g). [5]
Riprendete le patate una volta fredde, unite 1 uovo, sale, pepe e circa 200-250 g di farina: spostatevi sul piano da lavoro e impastate ottenendo un panetto morbido. [6]

Gnocchetti tricolore - P7
Gnocchetti tricolore - P8

Dividete il panetto in 3 parti uguali e aggiungete alla prima 2 cucchiaini di curcuma, impastando per ottenere un colore giallo omogeneo. [7]
Aggiungete al secondo panetto la barbabietola e impastate nuovamente aggiungendo ancora un poco di farina. [8]

Gnocchetti tricolore - P9
Gnocchetti tricolore - P10

Aggiungete infine al terzo panetto gli spinaci e anche questa volta, reimpastate unendo un poco di farina. [9]
Sul piano infarinato formate con i 3 panetti dei cordoncini e tagliateli a tocchetti ottenendo i piccoli gnocchi. Se volete potete dare la forma rotonda facendoli roteare tra le mani, altrimenti potete lasciarli così come sono o, ancora, passarli sul riga gnocchi. [10]

Gnocchetti tricolore - P11
Gnocchetti tricolore - P12

Preparate il condimento mescolando la ricotta con la panna e il resto della barbabietola frullata. Unite sale, pepe e noce moscata e fate cuocere a fiamma media per 10 minuti: otterrete una salsa fluida di un bel color rosa. [11]
Fate lessare gli gnocchetti in acqua bollente salata e scolateli quando vengono a galla. Conditeli con un poco di olio o burro fuso e servite mettendo nei piatti una base di salsa alla ricotta rosa. Servite con una abbondante grattugiata di parmigiano e un po' di pepe. [12]

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 18, Media voti: 4.6

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Gli gnocchetti tricolore vanno fatti cuocere in giornata e, se avete necessità che riposino un poco prima della cottura, dovrete tenerli su dei taglieri, una spianatoia o dei vassoi ben infarinati altrimenti si attaccano. Una volta cotti vanno preferibilmente consumati in giornata, al più tardi il giorno successivo se ben conservati in frigorifero sigillati in un tupperware.
    Si possono congelare i gnocchetti da crudi: posizionateli distesi e non sovrapposti su un vassoio e metteteli in freezer. Una volta che sono congelati allora potrete raccoglierli insieme in un sacchetto per surgelati. 
    Quando vorrete consumarli dovrete tuffarli ancora congelati in acqua bollente salata!

    La quantità di farina da aggiungere alle patate allo STEP 6 dipende molto dal tipo di patate utilizzate: ci sono patate più o meno acquose e questo elemento incide molto sulla farina necessaria per ottenere un panetto morbido ma malleabile. Il consiglio è di usare patate farinose, vecchie e non novelle. 
    Il secondo consiglio molto importante è di preparare l'impasto dei gnocchetti solo quando le patate schiacciate sono ben fredde: da calde infatti assorbono più farina! 
    Attenzione però a non confondersi: vanno schiacciate da calde e lavorate da fredde perchè se le schiacciate quando sono fredde diventano collose. 

    Per tenere gli gnocchi al caldo man mano che vengono a galla potete metterli in una pirofila in cui avrete versato un po' di olio e coprirli ogni volta con stagnola.

    Potete variare la colorazione dei gnocchetti usando basilico e prezzemolo tritati per il verde, polpa di zucca o carote per l'arancione, triplo concentrato di pomodoro per il rosso, zafferano per il giallo, nero di seppia per il nero. 
    Potete condire i vostri gnocchetti semplicemente con burro fuso, salvia e tanto parmigiano, oppure optare per un sugo di pomodoro o un ragù di verdure!

    La video ricetta del giorno

    Hai provato la ricetta?

    Hai dubbi o domande?

    Accedi per commentare

    Potrebbero interessarti anche