Gelo di melone

Il gelo di melone (o gelu di meluni in siciliano) è un dessert a base di succo di anguria, tipico della tradizione gastronomica siciliana, ideale da preparare durante la stagione estiva.

Il suo nome lo dice bene, non c’è dolce al cucchiaio più fresco e dissetante.
Come ogni ricetta che appartiene alla tradizione regionale, in Sicilia ne vengono preparate tante varianti: il gelo può essere aromatizzato con gelsomino, cannella o vaniglia e arricchito con pistacchi, mandorle, frutta candita o gocce di cioccolato.

In ogni caso è un dolce gradevole e rinfrescante, dalla consistenza gelatinosa, simile ad un budino, preparato con anguria, amido di mais e aromatizzato, nella nostra versione, con vaniglia e cannella.

La preparazione, estremamente semplice e veloce, prevede un passaggio sul fuoco e poi almeno 6 ore in frigorifero, tempo necessario per raggiungere la consistenza perfetta! Quindi organizzatevi per tempo se volete servirlo a conclusione di una cena d’estate.

La sua consistenza morbida e il suo sapore fresco e dolce, lo rendono un dessert adatto a tutti e perfetto da servire in qualsiasi momento della giornata, come rinfrescante fine pasto o come merenda leggera e dissetante.

Categoria: Dolci al cucchiaio

4,8/5 Vota
Su un totale di voti: 36
  Photo credits:
Tempo 20 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

Ingredienti per 6 persone

anguria 1.5 kg di anguria senza scorza
amido di mais 90 g di amido di mais
zucchero 120 g di zucchero semolato
estratto di vaniglia 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
cannella 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
pistacchi q.b. granella di pistacchi (per decorare)

Preparazione

Come fare il gelo di mellone

Gelo di melone - P1
Gelo di melone - P2

Per preparare il gelo di melone iniziamo tagliando l’anguria, priviamola della scorza e pesiamone 1,5 kg, (da questa quantità dovremmo ottenere 1 litro di succo di anguria). [1] Tagliamo poi l’anguria a piccoli pezzi. Passiamo i pezzi di anguria nell’estrattore oppure nel passaverdure per ottenere il succo [2].
Se non avete un estrattore potete eliminare i semini e poi frullare l'anguria.

Gelo di melone - P3
Gelo di melone - P4

Passiamo il succo ottenuto nel setaccio e verifichiamo di averne ottenuto 1 litro [3].
Trasferiamo il succo in una pentola, aggiungiamo lo zucchero e l’amido di mais setacciato; [4]

Gelo di melone - P5
Gelo di melone - P6

Mettiamo sul fuoco e facciamo cuocere il composto mescolando con un frusta per evitare i grumi. Proseguiamo la cottura a fuoco medio fin quando i composto non assume una consistenza gelatinosa ci vorranno 15 minuti circa. [5]
Trasferiamo in una ciotola di vetro per far raffreddare e profumiamo con la vaniglia e la canella [6], mescoliamo bene.

Gelo di melone - P7
Gelo di melone - P8

Una volta raffreddato trasferiamo il composto nelle coppette di vetro o in appositi stampini da budino. [7] Facciamoli raffreddare almeno 6 ore in frigo.
Il nostro gelo di melone è pronto, serviamolo con della granella di pistacchi. [8]

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 36, Media voti: 4.8

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Il gelo di melone si conserva in frigo per 2/3 giorni.
    È possibile congelarlo.

    Una delle caratteristiche del gelo di melone è l’aroma di gelsomino. Se non avete la possibilità di reperire fiori non trattati, è possibile usare l’essenza di gelsomino, oppure aromatizzare con cannella e vaniglia.
    Se riuscite a procurarvi dei fiori di gelsomino non trattati, mettetili a macerare per un’intera notte in mezzo bicchiere di acqua che poi aggiungerete al succo di anguria.

    Con lo stesso procedimento è possibile realizzare il gelo di melone giallo o di altra frutta.

    Per quale occasione

    È tradizione, in Sicilia, servire il gelo di mellone a Ferragosto. Il dolce si presta a finire sulle nostre tavole durante tutto il periodo estivo come ottima conclusione di un pranzo in famiglia o in compagnia di amici.

    Curiosità

    Non facciamoci confondere dal nome, si tratta infatti di una trasposizione dal dialetto siciliano "gelu di muluni", termine che indica appunto il cocomero.

    La video ricetta del giorno

    Hai provato la ricetta?

    Hai dubbi o domande?

    Accedi per commentare

    Potrebbero interessarti anche