Erbazzone

L'erbazzone è una tipica pietanza dell'Emilia Romagna: una torta salata ripiena di bietole o spinaci da servire come piatto unico, antipasto o secondo piatto.
4,4/5 Vota
Su un totale di voti: 198
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 60 min
Difficoltà Media
Porzioni 6
Costo Basso

L'erbazzone, detto anche scarpazzone, è una tipica pietanza dell'Emilia Romagna: si tratta di una torta salata composta da un guscio fragrante di pasta matta, oppure brisè, ripieno di bietole o spinaci.

La tradizione prevede un ricco soffritto con scalogno o cipollotti, e pancetta o guanciale, a cui si aggiungono le verdure e abbondante parmigiano.
Alcuni aggiungono anche le uova, in un composto simile alla torta pasqualina, altri addirittura lo preparano in versione vegana sostituendole con ricotta vegetale e curcuma ed eliminando gli altri ingredienti di origine animale. 

Una ricca pietanza della tradizione italiana consigliata a grandi e piccini, l'erbazzone è una torta salata perfetta da servire come piatto unico, antipasto o secondo piatto.

La preparazione non è né complicata né lunga, è adatta anche a chi è alle prime armi in cucina.
Ecco il procedimento e i nostri consigli!

 

Categoria: Torte Salate

PER L' IMPASTO PER L' IMPASTO
farina 00 500 g di farina 00
acqua 210 g di acqua
strutto 80 g di olio extra vergine d'oliva (o strutto)
sale 8 g di sale fino
PER IL RIPIENO PER IL RIPIENO
spinaci 1.5 kg di spinaci crudi
bietole 1 kg di bietole crude
cipollotto 3 cipollotti
guanciale 150 g di pancetta (o lardo o guanciale)
parmigiano 100 g di parmigiano grattugiato
sale q.b. sale

Preparazione

Come fare l'Erbazzone emiliano

Erbazzone - Passaggio 1
Erbazzone - Passaggio 2

Per la pasta: mescolate in una terrina capiente la farina con l’olio, il sale e l’acqua. Iniziate ad impastare mescolando con una forchetta o un cucchiaio di legno [1].
Quando l’impasto prende consistenza, trasferitelo sul piano di lavoro e lavoratelo energicamente per 5-6 minuti, fino a quando sarà liscio e omogeneo [2]. Avvolgetelo con pellicola e fate riposare.

Erbazzone - Passaggio 3
Erbazzone - Passaggio 4

Nel frattempo, preparate il ripieno. Scaldate una larga padella e fate rosolare dolcemente la pancetta a listarelle affinché rilasci tutto il grasso. Aggiungete i cipollotti tritati e fateli appassire. [3]
Unite a questo punto gli spinaci e le bietole già puliti [4].

Erbazzone - Passaggio 5
Erbazzone - Passaggio 6

Lasciateli appassire, mescolando di tanto in tanto. Regolate di sale e quando le verdure saranno cotte e il liquido totalmente evaporato, togliete dal fuoco e aggiungete il formaggio grattugiato [5].
Fate raffreddare.
Dividete il panetto in due, stendete con il matterello il primo pezzo in una sfoglia rettangolare spessa 3-4 mm. [6]

Erbazzone - Passaggio 7
Erbazzone - Passaggio 8

Foderate una teglia 25x35 cm, leggermente oliata, con la prima sfoglia facendola trasbordare. Aggiungete il ripieno di verdure e distribuitelo in modo uniforme. [7]
Richiudete con la seconda sfoglia, sigillate le estremità pizzicando le due sfoglie ed eliminando la pasta in eccesso [8].
Spennellate la superficie con olio o strutto.
Infornate l’erbazzone a 200 gradi per circa 40 minuti. Quando sarà leggermente dorato, sfornatelo e lasciatelo intiepidire prima di servire.

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 198, Media voti: 4.4

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    L’erbazzone si conserva a temperatura ambiente per circa 2 giorni. Si può congelare, intero o a pezzi, per 1-2 mesi.

    Assicuratevi che le verdure siano ben asciutte e fredde quando le distribuite sulla base di pasta per evitare che questa si inumidisca troppo.
    Sigillate le estremità dell’erbazzone dopo aver fatto fuoriuscire l’eventuale aria sotto la sfoglia.

    L’erbazzone si realizza con erbette, che possono essere spinaci, bietole o anche entrambi.
    Per il soffritto potete utilizzare strutto o olio, del guanciale o della pancetta non troppo magra.
    La stessa sfoglia si realizza tradizionalmente con lo strutto o il burro, o con l’olio se preferite una versione più leggera.

    Per quale occasione

    Si tratta di una torta salata che possiamoservire come piatto unico, antipasto o secondo piatto.

    La video ricetta del giorno

    Potrebbero interessarti anche