Pizza di scarola

4,5/5 Vota
Su un totale di voti: 173
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 60 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

La pizza di scarola è un lievitato salato tipico della tradizione gastronomica campana, preparato con l’impasto per pizza farcito con scarola saltata in padella insieme ad acciughe ed olive nere di Gaeta.

Un piatto ricco e completo, perfetto per buffet o anche gite fuori porta: ottima se cotta in una teglia rettangolare, in modo che poi si possa tagliare a cubetti facilmente. 

Il ripieno della pizza di scarola si prepara con la verdure saltate in padella a crudo, senza sbollentarle prima.

In questo modo, le verdure conservano tutto il loro sapore e, inoltre, risultano meno acquose e brodose. La pizza di scarola richiede una doppia lievitazione e, una volta cotta, è preferibile farla assestare per almeno un’ora prima di tagliarla.

Ecco la ricetta per preparare la pizza di scarola!

Categoria: Lievitati

PER L'IMPASTO PER L'IMPASTO
farina 500 g di farina tipo 0
lievito di birra 5 g di lievito di birra fresco
sale 10 g di sale
olio 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
acqua 250-300 ml di acqua tiepida
PER IL RIPIENO PER IL RIPIENO
scarola 2 cespi di scarola (riccia o liscia oppure mista)
olio q.b. olio extra vergine di oliva
aglio 2 spicchi d’ aglio
peperoncino 1 peperoncino (facoltativo)
sale q.b. sale
acciughe 4-5 acciughe sott’olio
olive nere 150 g di olive nere di Gaeta denocciolate

Preparazione

Come fare la Pizza di scarola

Pizza di scarola - p1
Pizza di scarola - p2

Versate la farina in una ciotola o nella planetaria, aggiungete il lievito sciolto nell’acqua tiepida [1].
Unite anche l’olio di oliva, iniziate a impastare e unite anche il sale [2].

Pizza di scarola - p3
Pizza di scarola - p4

Amalgamate bene gli ingredienti, a mano o con la planetaria fino a ottenere un impasto morbido, liscio ed elastico (circa 10 minuti). Formate una palla e fate lievitare per circa 2 ore in una ciotola coperta da pellicola [3].
Nel frattempo, mondate e lavate la scarola. In una larga padella dai bordi bassi, fate imbiondire gli spicchi d’aglio e il peperoncino (se lo preferite), unite le acciughe e fate sciogliere dolcemente a fuoco basso [4].

Pizza di scarola - p5
Pizza di scarola - p6

Aggiungete le foglie di scarola e cuocetele a fuoco vivo mescolando spesso [5].
Le verdure appassiranno lentamente, rilasciando acqua che contribuirà alla loro cottura. Se necessario, però, unite qualche mestolo di acqua calda [6].

Pizza di scarola - p7
Pizza di scarola - p8

Poco prima di terminare la cottura, quando cioè le verdure saranno tenere, aggiungete il sale e le olive denocciolate. Tenete da parte e fate raffreddare [7].
Dividete l’impasto lievitato in due panetti, stendete il primo in una teglia rettangolare leggermente unta di 30x20 cm [8].

Pizza di scarola - p9
Pizza di scarola - p10

Distribuitevi sopra la scarola ormai fredda, lasciando qualche cm di spazio sui lati [9].
Coprite la pizza di scarola con l’impasto rimasto, sigillando le estremità con le dita o una forchetta. Spennellate la superficie di olio e praticate qualche taglio sulla superficie per far fuoriuscire il vapore e infornate a 200 gradi per circa 30 minuti. Sfornate e lasciate assestare per almeno un’ora prima di servire [10].

 

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 173, Media voti: 4.5

    Torna alla Ricetta

    Consigli

    Potete utilizzare vari tipi di verdure a foglia verde, come il radicchio bianco, la cicoria, la scarola riccia o liscia.

    Si può congelare, una volta fredda, a quadrotti da scongelare in forno all’occorrenza.

    Le verdure cotte devono essere ben fredde prima di unirle alla base di pizza ed è necessario scolarle bene di olio o liquido di cottura in eccesso per evitare che la pasta si inumidisca eccessivamente.

    Si conserva a temperatura ambiente per 2-3 giorni in un sacchetto di carta.

    Buonissima a temperatura ambiente, appena tiepida. 

    Per quale occasione

    Per un pranzo in famiglia

    Curiosità

    La scarola è chiamata anche indivia.

    La video ricetta del giorno

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (1)

    Vincenzo
    sabato 16 gennaio 2021

    A Napoli, la scarola la facciamo cuocere in pentola, poi buttiamo il liquido che così esce e che risulta amarognolo, poi saltiamo la scarola in padella............

    Rispondi