Impasto per la pizza fatta in casa

4,4/5 Vota
Su un totale di voti: 1978
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Impasto per la pizza fatta in casa
  Photo credits:
Tempo 90 min
Difficoltà Facile
Porzioni 3
Costo Basso

Presentazione

Preparare l'impasto per la pizza in casa come quello che troviamo in pizzeria non è complicato, basta seguire semplici regole e passaggi.

La Pizza, insieme alla pasta, è una delle ricette italiane più conosciuta nel mondo, fa parte della categoria dei lievitati e il suo impasto base è composto da pochi e semplici ingredienti: farina, acqua, olio, sale e lievito.

L'impasto che andremo a preparare è preparato con una farina di forza, ricca di glutine e ideale per le lievitazioni lunghe.
Una volto pronto può essere farcito a piacere, con la classica passata di pomodoro e gli ingredienti che preferite.

Con le dosi indicate si ottengono 3 pizze rotonde da 28-30 cm di diametro.

Categoria: Lievitati

farina manitoba 500 g di farina 00 (o farina Manitoba)
lievito di birra 7 g di lievito di birra fresco (o 3 g di lievito di birra disidratato)
olio 10 g di olio extra vergine di oliva
acqua 350 ml di acqua minerale naturale in bottiglia a temperatura ambiente
sale 8 g di sale

Video Ricetta

Passo Passo

Preparazione

Come preparare la Pasta per la pizza

Impasto per la pizza - Passaggio 1
Impasto per la pizza - Passaggio 2

NOTA: se utilizzate farina Barilla 00 usate solo 250 ml di acqua anzché 350 ml.
Mettiamo in una boule la farina setacciata e uniamovi il lievito di birra sbriciolato finemente [1] quindi mescoliamo utilizzando un cucchiaio di legno.
Versiamo l'acqua in più riprese [2], continuando a mescolare in modo che venga assorbita dalla farina e il lievito si sciolga completamente.

Impasto per la pizza - Passaggio 3
Impasto per la pizza - Passaggio 4

Aggiungiamo il sale e versiamo l'olio extra vergine d'oliva [3] sempre continuando a mescolare. Questo tipo di impasto, mescolato in modo grezzo viene definito 'no knead'. 
Copriamo la ciotola con un foglio di pellicola trasparente per alimenti e lasciamo lievitare per 30 minuti a temperatura ambiente [4].
L'ideale è metterlo in forno con la modalità 'forno spento' in modo da avere una temperatura costante di 26-28°.
Se non disponete di questa funzionalità potete avvolgere la ciotola in una coperta e lasciarla in un luogo riparato da correnti.

Impasto per la pizza - Passaggio 5
Impasto per la pizza - Passaggio 6

Trascorso questo tempo, trasferiamo l'impasto sul piano di lavoro e ripieghiamolo su se stesso ripetendo l'operazione sui 4 lati [5]. Poi per tre volte, richiudiamo l'impasto tirandolo con le mani verso di noi. Non preoccupatevi se inizialmente la consistenza risulterà piuttosto appiccicosa (stendete un velo di farina sul piano per aiutarvi). Rimettiamo il panetto nella boule, copriamo con la pellicola e lasciamo lievitare per altri 20 minuti [6].

Impasto per la pizza - Passaggio 7
Impasto per la pizza - Passaggio 8

Ripetiamo questo passaggio per altre due volte [7]; l'ultima volta, prima di rimettere l'impasto nella boule, versiamovi un filo d'olio e infine lasciamo lievitare a temperatura ambiente per almeno 3 ore [8].

Stendere la pizza in teglia

Impasto per la pizza - Passaggio 9
Impasto per la pizza - Passaggio 10

Riprendiamo l'impasto, trasferiamolo sul piano di lavoro e suddividiamolo in tre panetti più piccoli. Copriamoli con un canovaccio pulito oppure un foglio di pellicola e lasciamoli lievitare ancora un'ora a temperatura ambiente [9].
Potete dividere l'impasto in panetti da 320 g circa se utilizzate una teglia da 26 cm di diamentro o da 375 g per teglie da 28 cm. In questo modo avrete delle pizze dello giusto spessore, belle croccanti fuori e morbide dentro. In alternativa le dosi indicate sono sufficienti per una placca da forno rettangolare.
Versiamo un po' di farina di semola e appiattiamo ogni panetto premendo con le dita tutt'intorno e al centro [10].

Impasto per la pizza - Passaggio 11
Impasto per la pizza - Passaggio 12

Eliminiamo la semola in eccesso e trasferiamo l'impasto in una teglia di 28-30 cm, unta con olio d'oliva [11].
Lasciamolo riposare ancora 30 minuti circa, infine allarghiamolo con le mani fino alla giusta dimensione: aggiungiamo passata di pomodoro [12] e gli ingredienti che preferiamo. Noi abbiamo optato per acciughe e capperi. 

La cottura della pizza in forno

Impasto per la pizza - Passaggio 13
Impasto per la pizza - Passaggio 14

Versiamo un filo d'olio extra vergine [13] e cuociamo in forno già caldo alla massima temperatura (300°) per circa 10 minuti [14] oppure a 200°-220° per 15-20 minuti.
Se volete cuocere più pizze contemporaneamente vi consigliamo di utilizzare la modalità ventilata per avere così un ricircolo dell'aria e una cottura uniforme.

Se invece disponete di un forno a gas ricordatevi che tenderà a bruciare il fondo della pizza poiché la fonte di calore proviene solo dal basso, controllate spesso la cottura!

Potete ricreare un effetto refrattario facendo scaldare una teglia di ferro (la piu spessa che avete in casa) al contrario, cioè con il fondo rivolto verso l'alto, e cuocendo la pizza poggiandola con un foglio di carta da forno.

Impasto per la pizza con impastatrice planetaria

Per fare un buon impasto con la planetaria bisogna seguire alcune piccole accortezze. 

Il problema principale della planetaria è che riscalda molto l'impasto e potrebbere rovinare o rallentare la formazione del glutine.

Durante la fase di impastamento le proteine della farina, mescolate con l'acqua, formano la maglia glutinica, che altro non è che un reticolo comunicamente chiamato glutine. 
Il lievito aggiunto durante la formazione dell'impasto forma un gas, l'anidride carbonica. 
Questa formazione si conclude quando il lievito esaurisce gli zuccheri all'interno dell'impasto e quindi termina la produzione di gas.
Da quel momento in poi l'impasto diventa troppo lievitato ed inizia la fase di collasso.

Se decidiamo di usare l'impastatrice planetaria per fare l'impasto della pizza, bisogna usare acqua freddissima (io tengo l'acqua in frigo ed un'ora prima di impastare la metto nel congelatore per averla molto fredda). 
Mi aiuto anche con i siberini che tengo attaccati al boccale della planetaria.
Il procedimento da seguire per fare l'impasto pizza con la planetaria è pressochè identico a quello spiegato in questa ricetta. 

Versare la farina nel boccale, sbriciolare il lievito ed azionare l'impastatrice con la foglia per un paio di minuti a velocità bassa.
Aggiungere il 60-65% dell'acqua gelata (mi raccomando è importante) e continuate ad impastare fino a quando non si sarà assorbita tutta l'acqua.
A questo punto aggiungete poco alla volta la restante acqua ed aumentate del 30% la velocità della macchina.
Prima di aver completato il versamento di tutta l'acqua aggiungere olio (a filo) ed il sale.
Concludere l'impasto togliendo la foglia ed utilizzando il gancio. 
L'impasto è pronto quando dai bordi del boccale non c'è più nulla di attaccato.
A questo punto fate 'puntare' (la prima lievitazione dopo l'impastamento e prima della formazione dei panetti si chiama 'puntata') l'impasto un'ora fuori dal frigo e poi 3 ore in frigorifero.
Tirate poi fuori l'impasto, fate i panetti (questa fase è chiamata 'staglio' ovvero il momento in cui vengono formati i panetti).
Fate lievitare i panetti per una seconda volta (questa seconda lievitazione è chiamata 'appretto', a Napoli vengono chiamati 'criscitielli').
Stendere l'impasto e siete pronti per la cottura.

Come sostituire il lievito di birra con quello disidratato

Il lievito di birra è un microorgaismo vivente che permette il rigonfiamento della pasta una volta mescolato con farina e acqua.
Viene venduto fresco in cubetti da 25 g, si conserva per poche settimane e può essere congelato.
Il lievito di birra secco è invece disidratato e lo si trova in bustine da 7 g (equivalenti ai 25 di quello fresco) e ha una conservazione più lunga.

La quantità di lievito da utilizzare varia a seconda della lavorazione dell'impasto e dei tempi di lievitazione.
In linea di massima potete utilizzare una quantità di lievito minore a patto di aumentare i tempi di riposo.

Come sostituire le farine

È possibile usare altre farine, meno raffinate, fino a quelle integrali. Tenete in considerazione che si dovranno variare le dosi degli ingredienti, primo fra tutti l'acqua.
Seguite le nostra ricette passo passo per realizzare la pizza con farina di tipo 1.

Come preparare un impasto a lunga lievitazione

Per aumentare la digeribilità della vosta pizza potete prepare impasti che utilizzano quantità bassissime di lievito che però richiedono una maturazione in frigo di molte ore.
Trovate tutto nel nostro speciale dedicato all'impasto della pizza a lunga lievitazione.

Impasto della pizza con il Bimby

Il robot multifunzione Bimby permette di prepare un impasto in pochi minuti, potete leggere tutto nel nostro speciale.

Pasta della pizza senza glutine

Leggete come preparare un perfetto impasto senza glutine.

Le regole d'oro per la preparazione dell'impasto della pizza e per la cottura

  1. La quantità di acqua da utilizzare dipende da vari fattori tra cui la quantità di glutine. Una farina ricca di glutine assorbe acqua in quantità maggiore
  2. Se utilizzate lievito di birra fresco è possibile anche scioglierlo in un po' di acqua a temperatura ambiente, potete invece unire il lievito secco di birra direttamente alle farine
  3. La lievitazione del vostro impasto deve avvenire in un ambiente tiepido ad un temperatura di circa 25°, lontano da correnti. Potete metterlo in un mobile chiuso o dentro al forno spento, ad esempio
  4. La temperatura di cottura indicata è quella massima (solitamente è di 200-220° ma può arrivare anche a 300°) e i tempi di cottura variano in base al peso e allo spessore della vostra pizza
  5. Il forno elettrico ventilato è il più indicato per la cottura, ricordatevi di preriscaldarlo prima di infornare
  6. Non utiizzare mai il mattarello per stendere la pizza per non vanificare il processo di lievitazione

Abbiamo visto come preparare la pizza e ora non vi resta che cimentarvi per creare il vostro impasto preferito. Ovviamente troverete molteplici ricette con varianti sia nella fase di lievitazione che negli ingredienti utilizzati.

Ricordate che la pizza perfetta è solo quella che soddisferà il vostro palato.

Potete anche preparare la focaccia a casa con tutte le nostre ricette passo passo.

Gli utensili indispensabili

Abbiamo raccolto i migliori strumenti e attrezzi per preparare la pizza, leggi il nostro speciale

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 1978, Media voti: 4.4

    Vai alla Ricetta

    Consigli

    È possibile congelare l'impasto della pizza una volta lievitato, riponetelo ben chiuso in un sacchetto gelo (dividetelo in panetti se dovrete fare pizze monoporzioni) e scongelatelo poi a temperatura ambiente al momento del bisogno.

    Potete anche congelare le pizze già pronte: vi consigliamo di cuocerle per 7-8 minuti, di farle raffreddare e avvolgerle nell'alluminio prima di metterle in congelatore. Al momento di consumarle finite la cottura in forno (senza bisogno di scongelarle) già caldo a 180-200°.

    Se utilizzate il i lievito di birra disidratato assicuratevi che sia 'autoattivante'.

    Per quale occasione

    Ideale per il sabato, la domenica sera o una cena informale con gli amici.

    Vino da abbinare

    Gustate la vostra pizza preparata in casa con della birra ghiacciata o del vino rosso.

    Hai provato la ricetta o hai domande?

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (210)

    Serena
    martedì 7 aprile 2020

    Ciao, posso usare la farina 00 , del mio fornaio?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: martedì 7 aprile 2020

    Certamente Serena 😊

    Rispondi
    Patrizia
    lunedì 6 aprile 2020

    La pizza è risultata perfetta ma la prossima volta dovrò usare il lievito fresco del mio fornaio in quanto quello secco non é più reperibile dalle mie parti.il lievito fresco da voi indicato è quello dei supermercati in panetto che dura poco o quello dei fornai che dura per un mese?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    Quello dei supermercati in panetto

    Rispondi
    Patrizia
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    Quindi a questo punto dovrei chiedere al fornaio il rapporto da usare. Grazie mille

    Rispondi
    Maurizio
    domenica 5 aprile 2020

    Ottimo impasto ormai è la cena del sabato sera. È piaciuta a tutta la famiglia e consigliato l'impasto anche a amici e parenti. Contentissimi. Grazie Stefano.

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Ciao Maurizio, complimenti a te! Se ti facesse, la prossima volta, inviaci una foto della tua pizza, la pubblicheremo volentieri sulla nostra fanpage :)

    Rispondi
    Maurizio
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Ciao Stefano si può usare la farina per pizza Manitoba con lievito madre per questo tipo di impasto? Grazie.

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    Ciao Maurizio, certamente

    Rispondi
    Monica
    domenica 5 aprile 2020

    Non avevo mai provato a fare la pizza e il risultato è stato molto buono! Devo comunque aver commesso qualche errore perché a fine cottura l'impasto si presentava poco soffice e con piccole bolle all'interno (non come da tua foto) Leggo ora che le dosi del lievito secco le ho sbagliate...ho usato tutta la bustina 7Gr può essere il motivo? Ho fatto cottura in forno statico a 250° mettendo la pizza per i primi 5-6 minuti nella posizione più bassa del forno e poi resto cottura a metà forno. Riproverò comunque al più presto la ricetta! Grazie

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Ciao Monica usare 7 grammi di lievito secco con 500 grammi di farina è un errore. Se vuoi usare quello secco non andrei oltre i 3 grammi, anzi prova con due grammi ed aumenta di un'ora il tempo di maturazione. Ciao e buona pizza :)

    Rispondi
    Michela
    domenica 5 aprile 2020

    Fatta questa sera la pizza grazie a questo impasto è stato un successo..seguito passo passo la ricetta e sarà stata anche la fortuna del principiante ma è venuta bella e molto buona 😋..grazie mille per la ricetta ..😀

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Bravissima Michela! Se ti facesse piacere inviaci la foto della tua pizza nei messaggi privati sulla nostra pagina facebook

    Rispondi
    Sara
    sabato 4 aprile 2020

    Ho provato oggi questa ricetta il risultato è stato ottimo. Pizza croccante e leggera. I miei figli se la sono contesa fino all'ultimo pezzo. Grazie Stefano

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Ciao Sara, complimenti a te :) leggere che la pizza è venuta buona mi fa sempre molto piacere!!

    Rispondi
    Lino
    sabato 4 aprile 2020

    Oggi ho provato a realizzare questo impasto... Premetto che non ho mai fatto una pizza in vita mia🙈 è andato tutto liscio! Ho seguito alla lettera dosi e procedimento, ho solo dovuto aggiungere un po’ di farina in più perché la consistenza era troppo appiccicosa al secondo turno di lievitazione. Risultato: tre pizze croccanti fuori e morbide dentro, una parmigiana (rossa con melanzane mozzarella e parmigiano), una al prosciutto cotto rossa con mozzarella e provola e infine tonno e cipolla bianca... Un successone! Grazie chef!

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Cino Lino, tutti siamo principianti :) in questo mondo non esistono i professionisti! Vedrai che la prossima pizza sarà più buona di questa!

    Rispondi
    Patrizia
    sabato 4 aprile 2020

    Buona sera, volevo sapere se posso mischiare la farina 00 con la Manitoba e se si, in quale quantità?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Metà farina 00 e metà Manitoba

    Rispondi
    Martina Nicastro
    sabato 4 aprile 2020

    Gentile Stefano, è la terza volta che ripeto la tua ricetta e ogni volta aumenta la soddisfazione. Una pizza morbida, gustosa e leggera. Che sazia, ma non appesantisce. Volevo soltanto dirti, vorrei dargli un po' di croccantezza in più. Come posso fare? Ed inoltre, che ricetta potresti suggerirmi per il pane fatto in casa? Grazie e buona serata

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Martina ci fa tanto piacere 😊
    Per avere una maggiore croccantezza puoi usare olio di semi nell'impasto ed ungere la teglia con un po' più di olio, sempre di semi.
    Come pane ti consigliamo questo

    Rispondi
    sandra
    sabato 4 aprile 2020

    Buonasera e grazie per la ricetta. La sto facendo di nuovo questo sabato e solo ora mi sono accorta che per la farina barilla bstava meno acqua. Sabato scorso ho usato la farina Selex ma ho riscontrato lo stesso problema (un pò di meno rispetto alla Barilla). Che farina mi consiglia? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Sandra, ti consigliamo la Mulino Marino 00, la Mulino Marino Buratto o la Caputo Sacco Rosso 😊

    Rispondi
    Carol
    sabato 4 aprile 2020

    Buonasera, Vorrei sapere se posso preparare l’impasto stasera per utilizzarlo domani sera conservandolo in frigo, specifico che usero’ lievito di birra fresco. Grazie mille

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    No Carol, con questa ricetta non te lo consigliamo. Prova invece questo impasto

    Rispondi
    Silvia
    sabato 4 aprile 2020

    Ciao Stefano, sono un’amante dei lievitati e la tua ricetta mi è piaciuta subito! Mi chiedevo, volendo mangiare la pizza alle 21 a che ora dovrei impastare per rispettare la tempistica dell’impasto? Grazie e buona giornata

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Silvia, somma i tempi di riposo e di lievitazione e lo scoprirai 😊

    Rispondi
    Deborah
    sabato 4 aprile 2020

    Ciao questa ricetta è veramente top la pizza è venuta buonissima. Domani è il compleanno di mio figlio e vogliamo farla per pranzo. Posso fare l'impasto questo pomeriggio ed utilizzarlo domani? Lo conservo in frigo e la stendo domani ?? Consigli devo fare qualcosa in particolare di diverso dalla ricetta? Grazie mille deborah

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Deborah ci fa piacere 😊
    Fai le pieghe poi lascia lievitare in forno spento ancora un 'ora e poi metti in frigo.
    L'indomani, 4 ore prima di cuocere, tiri fuori l'impasto e prosegui dal passaggio 9

    Rispondi
    Fabiana
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    Quindi è possibile fare l'impasto il giorno precedente e conservarlo?La prima volta che ho provato a farla mi è piaciuta molto ma ho utilizzato una farina tipo 0 ideale per pizza marca molino mettone, ma l'imposto non aveva consistenza e ho dovuto aggiungere molta farina. Domani sera vorrei provarla con farina manitoba marca lo Conte...spero di non dover aggiungere farina perché ho paura di sbagliare la quantita?come deve risultare la consistenza dell'impasto appena si amalgama il tutto..perche scorsa volta mi si attaccava alle mani terribilmente...non so quanta farina avrò aggiunto!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    Ciao Fabiana, la consistenza deve risultare come quella del video. In ogni caso l'importante è che tu riesca a fare le pieghe

    Rispondi
    Sara
    sabato 4 aprile 2020

    Buongiorno, usando solo farina manitoba, la dose dell'acqua rimane uguale?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Sara, sì 😊

    Rispondi
    Erika
    sabato 4 aprile 2020

    Posso usare solo farina Manitoba

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Erika, sì 😊

    Rispondi
    Margherita
    sabato 4 aprile 2020

    Buongiorno , mi chiedevo perché con la farina 00 della Barilla è consigliato usare 250 di acqua e non 350 ..... facendo così la quantità finale cambia?grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Margherita, perché assorbe meno acqua e diventa più difficoltoso fare le pieghe 😊

    Rispondi
    Margherita
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Grazie per l'informazione ☺️

    Rispondi
    Fabiana
    sabato 4 aprile 2020

    Buongiorno, è possibile sostituire la farina 00 con la farina per pizza? Se si stesse quantità o conviene mischiarle? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Fabiana, non te lo consigliamo 😊

    Rispondi
    Chiara
    sabato 4 aprile 2020

    Buongiorno, innanzitutto voglio ringraziarla perché grazie a lei sono finalmente riuscita a fare la pizza! Oramai utilizzo sempre questa ricetta. Volevo sapere se posso sostituire tot gr di farina con la semola di grano duro, se sì mi sa dire di quanto? Purtroppo non ho molta farina 00 in casa e ho un pacco chiuso di semola, quindi spero di poterlo utilizzare per questa ricetta! Grazie mille

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Chiara, grazie mille ci fa molto piacere 😊
    Purtroppo la semola non è indicata per questo tipo di lievitato

    Rispondi
    Valeria
    sabato 4 aprile 2020

    Buonasera! Ho un forno a gas.. cosa mi consiglia per la cottura? Tempi e temperatura? Non posso usare la teglia, è preferibile teglia di alluminio o carta forno su teglia? Grazie mille!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Valeria, temperatura massima per 10-15 minuti.
    Puoi farla sia in teglie di alluminio come abbiamo fatto noi o usare la placca del forno rivestendola con carta forno 😊

    Rispondi
    claudio
    venerdì 3 aprile 2020

    Ciao Stefano, sono molto curioso di provare la tua ricetta. Volevo però chiederti che differenza c'è utilizzare una farina 0 al posto della 00. Conosci la farina a marchio Ripper? E se sì me la consigli? In casa momentaneamente ho soltanto questa. Hai la ricetta per un'ottima pizza Napoletana? Grazie e scusami per queste tante domande! #IoRestoaCasa#

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ciao Claudio, nel forno di casa non è possibile fare la pizza napoletana. Per fare una napoletana avrai bisogno di un forno che arrivi a 450 gradi (quindi forno a legna oppure quei forni elettrici ad alta temperatura), puoi fare un'ottima pizza in teglia. Non conosco la farina che hai indicato. Io di solito a casa uso la farina caputo sacco rosso, viva la farina (verde e rossa) o la buratto del mulino marino.

    Rispondi
    claudio
    ha scritto: domenica 5 aprile 2020

    Grazie mille Stefano per i tuoi precisi consigli! Non mi resta che metterli in pratica!!!

    Rispondi
    Luca Vannini
    venerdì 3 aprile 2020

    Impasto top! L'ho fatta l'altra settimana e domani la rifaccio perché è venuta buonissima e leggera, croccante come piace a noi. Mai trovato un impasto così, complimenti veramente!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Grazie Luca, ci fa davvero molto piacere! 😊

    Rispondi
    Luca Vannini
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Se volessi fare metà farina 0 e metà integrale potrebbe andar bene? La farina integrale ha quelle piccole scaglie di cereale..anche setacciandola rimangono. Va bene lo stesso? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Sarà ancora più buona ancora! 😊

    Rispondi
    Chiara
    venerdì 3 aprile 2020

    Buongiorno sto facendo questa pizza per stasera ma mi è sorto un dubbio... siccome devo cuocerla in una teglia da forno dopo le 3 ore di lievitazione invece di dividerla nei tre panetti ripongo l’impasto intero nella teglia e lo lascio a riposo ancora un’ora? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 3 aprile 2020

    Ciao Chiara, anziché dividerla in tre panetti, stendila già sulla teglia oliata e lasciala un'ora in forno spento coperta con un canovaccio e metti nel ripiano più basso del forno un pentolino con acqua calda.
    Poi condiscila e cuocila 😊

    Rispondi
    Elisa
    venerdì 3 aprile 2020

    Buongiorno Stefano, questa non è una ricetta...è un corso per aumentare l’autostima!! Le sono veramente grata per avermi aiutata a preparare finalmente una pizza che possa definirsi tale. Non ho mai avuto grandi capacità culinarie, ma come sempre, con i maestri giusti può accedere l’inatteso. Grazie davvero! Buoni esperimenti, sarò ad attenderli.

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: venerdì 3 aprile 2020

    Buongiorno Elisa, sono certo che tra non molto supererai il maestro 😊😄. Buona pizza ed a presto!

    Rispondi
    Roberta
    giovedì 2 aprile 2020

    Buon pomeriggio, sono già tre volte che provo questo impasto, le prime due si capiva che l’impasto era molto buono però nn avevo azzeccato la cottura giusta. La terza volta invece dopo aver capito come cuocerla nel forno statico (circa 200 gradi e nella parte sotto del forno ho messo una pirofila con acqua) devo dire che la pizza era eccezionale ....che soddisfazione nn ero mai riuscita a farla così buona !!!! Grazie mille della ricetta!!!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 3 aprile 2020

    Ciao Roberta, il segreto è farla cuocere a forno caldo alla massima temperatura (220° o 250° a seconda del tuo forno). Non è necessario la pirofila con l'acqua. Provala così e facci sapere 😊😄

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: venerdì 3 aprile 2020

    Ciao Roberta, son proprio contento che alla terza volta sia venuta buona! Per creare il vapore nella camera di cottura, prova a bagnare il fondo del forno con mezza tazzina da caffè. Fammi poi sapere i tuoi risultati 😊😄

    Rispondi
    Stefano
    mercoledì 1 aprile 2020

    Ciao Stefano, dopo un'ora e mezzo (durante il riposo di 3 ore) l'impasto mi sembra gia'piu' che raddoppiato, non si rischia, prolungando ancora di un 'ora e mezzo che lieviti troppo? Cosa ho sbagliato? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 1 aprile 2020

    Ciao Stefano, molto probabilmente hai utilizzato una farina troppo debole o hai fatto lievitare l'impasto in un luogo troppo caldo.
    Prova a cuocerla senza farla lievitare ulteriormente

    Rispondi
    Melania
    mercoledì 1 aprile 2020

    A quale altezza devo mettere la telia nel forno a gas?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 1 aprile 2020

    A metà

    Rispondi
    Marta
    mercoledì 1 aprile 2020

    Buonasera, grazie per l'ottima ricetta e le preziose ed accurate indicazioni. Ho fatto la pizza con lievito di birra fresco, scaduto il 24 marzo, quantità 9 invece di 7 gr. La pizza è venuta benissimo. Posso continuare ad usare il lievito scaduto? ha senso aumentare le dosi? Visto che qualsiasi lievito è esaurito ovunque, posso fare la pasta madre come indicato qui da voi e usarla per pizza e pane? Puo' essermi utile il lievito rimasto ma scaduto per fare lievitino o pasta madre? grazie marta

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 1 aprile 2020

    Ciao Marta ti sconsigliamo di usare lievito scaduto 😊

    Rispondi
    Fabiana
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    Si può congelare il lievito fresco?!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 6 aprile 2020

    sì Fabiana

    Rispondi
    Loretta
    mercoledì 1 aprile 2020

    Buongiorno, Ieri ho provato a fare la sua ricetta per la pizza, devo dire che è venuta buonissima un procedimento un po' lungo ma ne è valsa la pena. Grazie Saluti Loretta

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 1 aprile 2020

    Ciao Loretta, ci fa molto piacere che ti sia piaciuta 😊

    Rispondi
    Sergio
    lunedì 30 marzo 2020

    Salve va bene anche per fare ripieno fritto? O vi è una ricetta specifica per la pizza fritta?

    Rispondi
    Rispondi
    Vale
    lunedì 30 marzo 2020

    Buongiorno, ieri ho preparato l'impasto per la pizza da mangiare a cena però per un imprevisto non abbiamo potuto mangiarla. L'ho conservsta in frigo posso mangiata questa sera? Grazie in anticipo

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 30 marzo 2020

    Ciao Vale, questo impasto non è pensato per avere una lunga lievitazione, purtroppo non sappiamo rispondere alla tua domanda

    Rispondi
    Claudio Baldan
    lunedì 30 marzo 2020

    Buongiorno, vorrei fare la pizza nella teglia del forno, il peso degli ingredienti qual è? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 30 marzo 2020

    Ciao Claudia, questa dose va bene esattamente per una placca da forno 😊

    Rispondi
    Antonella
    domenica 29 marzo 2020

    Ciao. Ho preparato l'impasto qualche oretta fa. Sto aspettando che trascorrano le restanti 3 ore. Io ho posto l'impasto dentro un contenitore coperto dalla pellicola e nel forno a 30° circa. Volevo sapere se passa qualche altra ora a lievitare nel forno è un problema dato che devo cuocerla stasera? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 29 marzo 2020

    Ciao Antonella, 30° è fin troppo come temperatura per la lievitazione. Comunque se lasci lievitare qualche ora non ci sarà nessun problema

    Rispondi
    Claudio Claudio
    domenica 29 marzo 2020

    Buongiorno se volessi fare più o meno pizze... Il rapporto degli ingredienti qual'è? Grazie Pizza STREPITOSA!!!!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 29 marzo 2020

    Ciao Claudio grazie! 😊
    diminuisci o aumenta tutti gli ingredienti della stessa proporzione

    Rispondi
    Claudio Claudio
    ha scritto: domenica 29 marzo 2020

    Quindi divido per 3 e ho gli ingredienti per una pizza? Moltiplico per numero di pizze che vorrei ottenere e ho il peso degli ingredienti? Pensavo che almeno per il lievito di birra non valesse questa regola.

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 29 marzo 2020

    Sì esatto e vale anche per il lievito 😊

    Rispondi
    Cristian
    sabato 28 marzo 2020

    Buongiorno si può usare la farina 0 e se si, mantengo le stesse proporzioni. Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 28 marzo 2020

    Ciao Cristian, sì stesse proporzioni 😊

    Rispondi
    Fabiola
    sabato 28 marzo 2020

    Ciao Stefano, ho già fatto l'impasto diverse volte ed è buonissimo! Mi dai solo un consiglio per la cottura? La mozzarella??? Ho provato a metterla a fine cottura, ho provato a metà...non trovo però la combo giusta per non rendere la pizza acquosa. La mozzarella la sbriciolo e la lascio scolare almeno un'ora prima. Prossimo passo marinara! ;)

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 28 marzo 2020

    Ciao Fabiola, ti ringraziamo 😊
    Prova a tagliarla a listarelle sottili e a metterla gli ultimi due minuti di cottura 😊

    Rispondi
    Ivan
    venerdì 27 marzo 2020

    Buonasera ho eseguito tutto come descritto.. però mi sono reso conto che?non so se ho fatto bene.. sono arrivato al punto 8 e l'impasto va bene lo stesso se lievita tutta la notte invece che 3 ore?

    Rispondi
    Rispondi
    Ivan
    ha scritto: sabato 28 marzo 2020

    Grazie 1000 la prossima volta proverò in questo modo😉

    Rispondi
    Ivan
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    Ho riprovato facendo le cose in giornata e con i tempi giusti.. Posso solo che farti i complimenti.. La pizza è venuta davvero buona croccante fuori morbida dentr.. sono davvero contento grazie per tutto!! 👌

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 4 aprile 2020

    😊😊😊😊

    Rispondi
    Michela
    venerdì 27 marzo 2020

    Ho provato questa ricetta per la prima volta e la pizza è venuta buonissima, è stato un successone!! L'ho cotta in un forno ventilato, è risultata croccante e morbida allo stesso tempo, non sapeva di lievito ed era leggerissima. Tra l'altro mi sono accorta di aver messo 7 grammi di lievito secco e non fresco, ho utilizzato quello di pane angeli ma la pizza ha lievitato benissimo. Non me l'aspettavo, questa è la ricetta migliore che fin'ora io abbia mai provato. Domani non vedo l'ora di rifarla, semplice e buona ;) Grazie mille!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 28 marzo 2020

    Ciao Michela ci fa molto piacere 😊
    Ricorda che puoi benissimo usare il lievito secco, ma in minore quantità: 1 grammo di lievito di birra secco è equivalente a 3 grammi di quello fresco 😊

    Rispondi
    Debby345
    venerdì 27 marzo 2020

    Buongiorno, sto pensando di provare questa ricetta. Ho solo un dubbio, non disponendo di farina di semola, cosa posso usare?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 27 marzo 2020

    Ciao, puoi usare farina 00 😊

    Rispondi
    gianni
    venerdì 27 marzo 2020

    SALVE E' POSSIBILE FARE LA PIZZA UN GIORNO PRIMA DEL UTILIZZO SENZA POI CONGELARE L'IMPASTO

    Rispondi
    Rispondi
    Alex
    mercoledì 25 marzo 2020

    Buongiorno, innanzi tutto grazie e complimenti per la ricetta molto intuitiva in ogni suo passaggio. Ho un quesito da fare; io ho fatto la ricetta per 2 teglie da 28-30cm, quindi diviso per 3 e poi moltiplicato per 2 per ottenere le dosi "corrette". Solo che l'impasto dopo mezz'ora e 1 ora mi risulta molto più colloso e difficile da lavorare rispetto a quello nel video. Dunque chiedo, è corretto fare le dosi come ho fatto io per 2 teglie oppure c'è da modulare qualche ingrediente? grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 25 marzo 2020

    Ciao Alex, se hai diminuito in proporzione tutti gli ingredienti non ci dovrebbero essere problemi.
    Forse è un problema di qualità della farina. Hai eseguito correttamente le pieghe? 😊

    Rispondi
    Alex
    ha scritto: giovedì 26 marzo 2020

    Proverò a cambiare farina o in alternativa mettere meno acqua nell’attesa di finirla😊le pieghe non riuscivo a farle, causa impasto troppo colloso. Lo piegavo su se stesso come riuscivo. Detto questo, il risultato finale era ottimo👍🏻Quindi grazie per la ricetta

    Rispondi
    Martina
    martedì 24 marzo 2020

    Gentile, Stefano. La tua ricetta ha sbalordito tutti, soprattutto mio padre che non è così facile da accontentare, quando si tratta di cibo. La pizza è risultata croccante fuori e morbida dentro; fragrante e gustosa come mai prima d'ora. Io non avevo mai fatto pizze prima di questa orribile e tragica quarantena e che dire, mi sono riscoperta pizzaiola!! Meravigliosamente. Grazie

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: martedì 24 marzo 2020

    Gentile Martina, grazie per il bellissimo commento! In questo momento fa piacere due volte. Son veramente felice che sia rimasta buona la pizza e che anche un palato esigente l'abbia apprezzata :) continua a seguire ricetta.it che in questi giorni di quarantena sta facendo un sacco di esperimenti .

    Rispondi
    Federico
    lunedì 23 marzo 2020

    Buongiorno L’idratazione è al 70% esatto? Per una lievitazione tra le 20-24 ore quanto lievito usare ? Ho quello secco pane angeli mastrofornaio E prima fuori a temp ambiente poi frigo e poi di nuovo fuori ? Quindi usando impastatrice la cosa importante è usare acqua fredda(di frigo anche) Grazie mille e mi scuso per le tante domande

    Rispondi
    Rispondi
    Alice
    domenica 22 marzo 2020

    Buongiorno, avevo in programma di provare la ricetta per stasera ma mi è sorto un altro dubbio. Non ho a disposizione il lievito di birra fresco, ho solamente quello secco (della Paneangeli per intenderci).. Oltre a cambiare le dosi come già indicato in altre risposte, come mi devo comportare con i tempi di lievitazione? Ringrazio ancora in anticipo per la disponibilità 😉

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 22 marzo 2020

    Ciao Alice, assicurati di avere del lievito di BIRRA secco 😊
    I tempi di lievitazione sono gli stessi indicati nella ricetta 😊

    Rispondi
    Gabriella
    domenica 22 marzo 2020

    Sono due volte che eseguo questa ricetta ma la pizza viene dura anche se il sapore della pasta e’ buonissimo. Quale potrebbe essere l’errore?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 22 marzo 2020

    Ciao Gabriella molto probabilmente non la cuoci alla temperatura massima del tuo forno. Ricorda poi di non aprire continuamente il forno per controllare la cottura, specie nei primi 10 minuti. 😊

    Rispondi
    Roberta
    sabato 21 marzo 2020

    Salve, negli ingredienti si prevede l'utilizzo di 7gr di lievito di birra fresco. Avendo in casa solo quello secco quanto dovrei usarne? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Ciao Roberta, 1 grammo di lievito di birra secco equivale a 3 grammi di quello fresco

    Rispondi
    Roberta
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Grazie mille..domani proverò!!

    Rispondi
    Antonella Scaramozzino
    sabato 21 marzo 2020

    Ottima pizza.. sono davvero soddisfatta per 1kg di farina qual è la ricetta?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Intendi gli ingredienti? Raddoppiali tutti! 😊

    Rispondi
    Antonio Palumbo
    sabato 21 marzo 2020

    Perfetta

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    😊😊

    Rispondi
    Ivana
    sabato 21 marzo 2020

    Salve è possibile fare lo stesso impasto pero cn la farina integrale o cereali?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Certamente Ivana 😊😊

    Rispondi
    Claudio
    sabato 21 marzo 2020

    Ciao, ho appena terminato le fasi delle 3 lavorazioni, ho seguito scrupolosamente le dosi e visto il video ma ho avuto difficoltà in tutte e 3 le lavorazioni, ho dovuto aggiungere un bel po di farina in ogni fase mi si appiccicava l'impasto di continuo sul tagliere, diciamo che sono riuscito a lavorarla "bene" solo nella terza fase che corrisponde alla tua prima. Come mai? Rapporto farina-acqua errato? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Ciao Claudio, ogni farina assorbe acqua in modo diverso purtroppo. Come vedi è un impasto molto particolare. Le quantità sono corrette, è una ricetta collaudata. Se alla prima lavorazione non ottieni il risultato del video prova ad aggiungere un po' di farina 😊

    Rispondi
    Claudio
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Si, alla fine ho fatto cosi in ogni lavorazione, ora sta lievitando, poi ti aggiorno su come è andata!! Grazie

    Rispondi
    Claudio
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Pizza buonissima!! Pensavo di avere già una buona ricetta collaudata ma questa mi ha battuto, la base è venuta con quel mix croccante-soffice perfetto! 10+

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Evvai! 😊🥳

    Rispondi
    Anna
    sabato 21 marzo 2020

    Salve, sono Anna da Catania. Desideravo sapere cosa cambia a livello di dosi se utilizzo farina di riso.

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Ciao Anna, non abbiamo mai provato con la farina di riso con questa tecnica, prova invece questa versione

    Rispondi
    Anna
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Grazie, proverò!

    Rispondi
    Silvia
    sabato 21 marzo 2020

    Buongiorno si può usare lievito istantaneo e quanto ne va messo? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Ciao Silvia, non te lo consigliamo

    Rispondi
    Giacomo
    sabato 21 marzo 2020

    Buongiorno, la pizza era buonissima! Alcune domande: 1)Cosa succede se anziché far lievitare 3 ore facciamo lievitare 2 ore? 2)Quali sono le temperature "corrette per" un forno ventilato? 3)Dopo il passaggio 9 ho congelato un panetto: dopo lo scongelamento dovrò comunque far riposare per altri 30 minuti come al passaggio 12? Grazie!

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Buongiorno Giacomo, ci tanto piacere 😊 Le rispondiamo per punti
    1) la lievitazione non sarebbe sufficiente, può aumentare però leggermente la quantità di lievito
    2) Stesse temperature, però cuocerà in meno tempo
    3) le consigliamo di prolungare i tempi anche fino ad 1 ora

    Rispondi
    Monica
    sabato 21 marzo 2020

    Ciao! Ho provato questa ricetta la scorsa settimana ed è stata un successone! Come posso regolarmi se, anziché fare 3 pizze, ne dovessi fare 4? Faccio la proporzione ingrediente per ingrediente?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 21 marzo 2020

    Ciao Monica, siamo felici che abbia avuto successo! 😊
    Se vuoi farne 3, sì esatto, diminuisci tutti gli ingredienti proporzionalmente 😊

    Rispondi
    Alice
    giovedì 19 marzo 2020

    Salve, è necessario passare l'impasto nella farina di semola prima di metterlo nella teglia o si può evitare questo passaggio?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 20 marzo 2020

    Ciao Alice, quel passaggio serve per stendere con facilità la pizza, puoi usare farina 00 o anche nulla 😊

    Rispondi
    Gallo Marialuisa
    giovedì 19 marzo 2020

    Al posto della farinadi semola finale si può usare farina 00 ? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: giovedì 19 marzo 2020

    Sì Marialuisa 😊

    Rispondi
    Jessica
    martedì 17 marzo 2020

    Solo a me dopo le prime lievitazioni risulta ancora estremamente appiccicosa e difficile da lavorare?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: martedì 17 marzo 2020

    Ciao Jessica, anche a noi. E' normale, guarda nel video 😊

    Rispondi
    Caterina
    lunedì 16 marzo 2020

    Con le stesse dosi si può utilizzare farina di grano duro?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 16 marzo 2020

    Ciao Caterina, non te lo consigliamo.

    Rispondi
    Alessia
    lunedì 16 marzo 2020

    Ho seguito la ricetta step by step, direi che è ottima, meglio di quelle mangiate in pizzeria, bassa e croccante!!! Complimenti

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: lunedì 16 marzo 2020

    Ciao Alessia, son veramente felice che ti sia piaciuta e sia rimasta buona :) Se vuoi la prossima volta prova con la pizza a lunga lievitazione e poi dimmi le tue impressioni!

    Rispondi
    Alessia
    ha scritto: lunedì 16 marzo 2020

    Sabato ti farò sapere! 😊

    Rispondi
    Marghy
    domenica 15 marzo 2020

    Buongiorno..l'ho fatta stasera..sono sbalordita..una pizza così buona, alta e alveolata non mi era mai venuta..credo abbia lievitato anche bene perchè non ho per niente sete cosa che mi succede spesso quando mangio la pizza fatta in casa da altra gente..ho solo due dubbi..il primo riguarda la farina..qui si usa la 00 ma ho letto nei vari siti che di regola essendo per dolci non sarebbe proprio adatta alla pizza..il secondo dubbio riguarda il fatti che ho trovato un po' di difficoltà nello stendere l'impasto in quanto si ritirava soprattutto quando l'ho poggiato nella teglia a contatto con l'olio . Vorrei sapere se e' normale.. oppure ho commesso qualche piccolo errore. Grazie mille e complimentissimi.

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: lunedì 16 marzo 2020

    Ciao Marghy, complimenti a te per aver fatto un'ottima pizza a casa! La "sete del dopo pizza" è un fattore complesso, legato ai tempi di maturazione ed alla cottura dell'impasto. Quindi se non hai avuto sete è perchè hai fatto un ottimo impasto. Riguardo i tuoi dubbi, la farina 00 va benissimo per fare la pizza, pensa che la Mulino Marino sacco rosso è una doppio zero ed è usata, molto spesso, nelle pizzerie di Napoli. Invece per il problema riguardante la stesura potrebbe essere dovuto ad un impasto troppo incordato e tenace. Magari hai variato le dosi di sale? Troppo sale oppure troppo poco influiscono sulla stesura. Anche la temperatura dell'acqua e la quantità di lievito possono rendere più tenace (e quindi meno estendibile) l'impasto.

    Rispondi
    Marghyy75
    ha scritto: venerdì 20 marzo 2020

    Si di certo dipenderà dal sale.. purtroppo e' po' difficile capire se lo metto nella giusta dose perché 8 grammi non so pesarli. Mi regolerò con un cucchiaino..grazie mille ho ricevuto i primi veri complimenti con questa ricetta..

    Rispondi
    Alfonsina
    sabato 14 marzo 2020

    Ricetta perfetta ottima lievitata impasto morbidissimo utilizzerò sempre questa

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: sabato 14 marzo 2020

    Grazie Alfonsina, in questo momento i complimenti fanno molto piacere :) hai condito la pizza con qualche ingrediente particolare? Se ti dovesse far piacere, inviaci le foto!

    Rispondi
    Sara
    sabato 14 marzo 2020

    Ciao, posso preparare l'impasto un giorno prima?

    Rispondi
    Rispondi
    Rossella
    sabato 14 marzo 2020

    Salve io ho seguito la ricetta che uso normalmente per fare il pane mettendo per 500g di farina 280 di acqua. Adesso l’impasto sta lievitando ma vedendo che voi avete utilizzato più acqua mi conviene aggiungerla o ormai la lascio così? Non vorrei che aggiungendo adesso acqua blocco la lievitazione. Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 14 marzo 2020

    Ciao Rossella, lascia tutto così 😊

    Rispondi
    Priscilla
    venerdì 13 marzo 2020

    Volevo sapere se devo fare un kg e mezzo di farina triplico semplicemente la dose scritta? Grazie mille

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 13 marzo 2020

    Ciao Priscilla sì, esattamente 😊😊

    Rispondi
    Giulia
    venerdì 13 marzo 2020

    Buongiorno, vorrei provare la vostra ricetta, io ho un impastatrice classica con gancio per impasti quali pani e pizza. Come devo procedere? Devo fare lo stesso tutte le varie pieghe? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 13 marzo 2020

    Ciao Giulia, abbiamo inserito una sezione apposta nella ricetta dove ti spiega tutto nei dettagli 😊

    Rispondi
    Beatrice
    mercoledì 11 marzo 2020

    Buongiorno, vorrei fare l'impasto per la pizza fatto in casa, la ricetta stamattina per consumarla stasera, se dopo le 4 ore lascio la pasta per la pizza a lievitare va bene comunque? La pasta si può congelare?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 11 marzo 2020

    ciao Beatrice, diminuisci il lievito di 2 grammi (quindi solo 5 grammi), esegui l'impasto come da ricetta, dopo aver fatto le pieghe fallo lievitare un'ora fuori dal frigo, poi 5/6 ore in frigo e lo tiri fuori circa 2 ore prima di infornare e riprendi la ricetta.
    L'impasto puoi congelarlo, nei consigli trovi come fare 😊

    Rispondi
    Beatrice
    ha scritto: venerdì 13 marzo 2020

    Grazie mille 💪

    Rispondi
    nadia
    sabato 7 marzo 2020

    buona ricetta grazie

    Rispondi
    Rosangela
    giovedì 27 febbraio 2020

    Ho fatto seguendo la vostra ricetta mi e riuscita benissimo grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 28 febbraio 2020

    Ci fa tanto piacere 😊

    Rispondi
    Federica
    martedì 28 gennaio 2020

    Buonissima! Ho fatto un figurone con amici e parenti, grazie mille! Una domanda: sapresti indicarmi le dosi per un impasto integrale e per un impasto multicereali?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: martedì 28 gennaio 2020

    Ciao Federica, ci fa tanto piacere 😊
    Non l'abbiamo ancora provato con quei tipi di impasto.

    Rispondi
    Teti
    venerdì 10 gennaio 2020

    Complimenti, per la prima volta sono riuscita a fare una pizza ben lievitata e soprattutto senza il retrogusto di lievito e molto digeribile !

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: venerdì 10 gennaio 2020

    Grazie Teti, ci fa tanto piacere 😊

    Rispondi
    Carolina
    lunedì 6 gennaio 2020

    Ho notato che con le mani la lavori molto poco...io ho sempre saputo il contrario, ovvero che più la si lavora e meglio è.. sbaglio qualcosa? Grazie

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: martedì 7 gennaio 2020

    Non usando l'impastatrice per questo impasto pizza, eseguo le pieghe di forza. Le pieghe di forza sono alla base del metodo di impastamento 'no knead' (tradotto dall'inglese 'non impastare'). Andando ad eseguire le pieghe di forza, vai a creare la maglia glutinica che servirà a legare e trattenere le bolle d'anidride carbonica, generate dal lievito. Questo è il mio punto di vista, prova a far l'impasto come da ricetta e poi fammi sapere come è venuto.

    Rispondi
    Maria del rosario Huamacto Munaylla
    lunedì 2 dicembre 2019

    Grazie me ha uscito perfetto

    Rispondi
    Matteo
    sabato 2 novembre 2019

    Buonasera, Non capisco se lei usa lievito fresco o secco ? Io devo usare lievito secco in polvere, quanto devo metterne? Grazie mille

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 3 novembre 2019

    Ciao Matteo, usiamo lievito di birra fresco. Puoi usare il lievito di birra secco ricordando che 1 grammo di lievito di birra secco è equivalente a 3 grammi di quello fresco

    Rispondi
    Matteo Fiorese
    ha scritto: domenica 3 novembre 2019

    Grazie mille ,provero' 💪

    Rispondi
    Erma Gobin
    sabato 23 febbraio 2019

    Hello. Posso usare farina "0" x fare l'impasto della pizza?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 13 maggio 2019

    Certamente! :-)

    Rispondi
    Carla Pecchi
    giovedì 31 gennaio 2019

    Salve, la mia pizza come il pane io l'ho faccio con il lievito madre, si può sostituire l'olio con lo strutto?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: giovedì 31 gennaio 2019

    Ciao Carla, ti consigliamo di seguire la nostra ricetta

    Rispondi
    Claudia Gerosa
    sabato 26 gennaio 2019

    Si può usare anche acqua del rubinetto? E se usassi il lievito secco in quale quantità? Grazie. E complimenti x le vostre ricette sempre gustose e facili

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 27 gennaio 2019

    Ciao Claudia, se non hai modo di utilizzare quella in bottiglia sì, 1 grammo di lievito di birra secco è equivalente a 3 grammi di quello fresco.

    Rispondi
    Valentina Ceci
    sabato 19 gennaio 2019

    Buonasera ho provato la ricetta è viene molto bene direi ottima con queste dosi faccio una bella teglia da forno ... però ho notato che è troppa ... si possono avere le dosi per 2 persone? È in questo caso quanto deve essere lunga la teglia ? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 20 gennaio 2019

    Ciao Valentina, è sufficiente che dimezzi le dosi degli ingredienti, per la dimensione della teglia trovi tutto nell'articolo :-)

    Rispondi
    Stefano Loberti
    ha scritto: mercoledì 23 ottobre 2019

    Buonasera Valentina, per regolarmi sulla quantità di impasto da usare ti consiglio questa semplice regola. Scegli la teglia che vorrai utilizzare, se rettangolare o quadrata basta che si moltiplichi base per altezza per 0.6 (ad esempio se si utilizzasse una teglia 20*30 cm l'impasto da usare sarebbe 360 grammi), se la teglia fosse rotonda bisogna fare raggio per raggio per 3.14 il tutto per 0.6 (quindi su una teglia da 30 cm di diametro dovresti fare 15*15*3.14*0.6 = 434 grammi). Se ti piace la pizza meno spessa anzichè per 0.6 fai 0.5

    Rispondi
    RAFFAELLA ROBAZZA
    domenica 11 novembre 2018

    E' POSSIBILE AVERE LA RICETTA PER LA PIZZA CON LA MACCHINA DEL PANE? grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 11 novembre 2018

    Ciao Raffaella, ogni macchina del pane utilizza una propria ricetta, consulta il libretto di istruzioni della tua

    Rispondi
    Giovanna
    mercoledì 17 ottobre 2018

    Molto interessante!

    Rispondi