Gelato alla pesca

4,7/5 Vota
Su un totale di voti: 115
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Gelato alla pesca
  Photo credits:
Tempo 40 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

Presentazione

Il gelato alla pesca, preparato senza gelatiera, è un dessert estivo dal sapore delicato.
Tra i gelati alla frutta forse uno dei più apprezzati: cremoso e leggero è perfetto servito insieme a pezzetti di pesca fresca oppure accompagnato da altri gusti di gelato in coppe miste.

Una ricetta semplice che non prevede l'aggiunta di uova: abbiamo invece utilizzato il latte condensato che ci permette di ottenere la giusta consistenza senza dover mescolare il composto durante il raffreddamento.

Ottimo da servire a fine pasto, è sicuramente una merenda golosa per i più piccoli  da assaporare nelle giornate più calde!

Segui Laura in questa video ricetta e scopri con noi tutti i modi di preparare il gelato senza gelatiera!

Categoria: Gelati

pesche 450 g di pesche (già pulite)
panna 250 ml di panna fresca (o panna da montare)
zucchero a velo 40 g di zucchero a velo
latte condensato PER IL LATTE CONDENSATO
latte 175 ml di latte intero
zucchero a velo 175 g di zucchero a velo
burro 30 g di burro

Video Ricetta

Passo Passo

Preparazione

Come fare il Gelato alla pesca

Gelato alla pesca - Passaggio 1
Gelato alla pesca - Passaggio 2

Per preparare il gelato alla pesca senza l'utilizzo della gelatiera, ci occorre il latte condensato: per realizzarlo in casa, versiamo in un pentolino, il latte [1] e accendiamo il fuoco a fiamma bassa.
Aggiungiamo lo zucchero a velo [2] e mescoliamo bene per evitare la formazione di grumi.

Gelato alla pesca - Passaggio 3
Gelato alla pesca - Passaggio 4

Infine uniamo il burro [3] e continuando a mescolare con una frusta a mano, facciamo cuocere per circa 20 minuti a fiamma bassa [4]. Durante la cottura il latte cambierà leggermente colore, assumendo un colore "crema".

Gelato alla pesca - Passaggio 5
Gelato alla pesca - Passaggio 6

Trasferiamo quindi il composto in un recipiente e facciamolo raffreddare completamente [5]: durante questo tempo, il latte condensato si addenserà. Otterremo circa 290 g di latte condensato.
Nel frattempo sbucciamo e tagliamo le pesche, meglio se mature [6].

Gelato alla pesca - Passaggio 7
Gelato alla pesca - Passaggio 8

Frulliamo con l'aggiunta di 40g di zucchero a velo [7] e successivamente uniamovi il latte condensato ormai raffreddato [8].

Gelato alla pesca - Passaggio 9
Gelato alla pesca - Passaggio 10

A parte montiamo con le fruste elettriche la panna fresca, e incorporiamola delicatamente al resto degli ingredienti [9].
Trasferiamo il nostro gelato in un contenitore adatto al congelamento, chiudiamolo e mettiamo in freezer a riposare per 6-8 ore [10].

Durante il raffreddamento, non occorre mescolarlo: trascorso il tempo necessario il nostro gelato alla pesca è pronto per essere gustato!

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 115, Media voti: 4.7

    Vai alla Ricetta

    Consigli

    A seconda del grado di maturazione delle pesche, potete diminuire o aumentare leggermente la quantità di zucchero a velo da unire alla frutta.

    Se non volete prepare il latte condensato in casa, potete optare per quello già pronto disponibile in commercio, utilizzandone circa 290 g.

    Il latte condensato caldo avrà una consistenza molto liquida: tenderà a rapprendersi un po' una volta raffreddato. 

    Per quale occasione

    Ottimo da servire a fine pasto, è sicuramente una merenda golosa per i più piccoli da assaporare nelle giornate più calde!

    Hai provato la ricetta o hai domande?

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (3)

    Zinaida
    giovedì 9 luglio 2020

    Salve. Lo zucchero a velo po' essere sostituito con la stevia o un altro dolcificante?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: giovedì 9 luglio 2020

    Non abbiamo mai provato

    Rispondi
    zinaidadirda@gmail.com
    ha scritto: giovedì 9 luglio 2020

    Grazie

    Rispondi