Agnello alle erbe

L'agnello alle erbe aromatiche è un secondo piatto preparato principalmente nel periodo di Pasqua, ottimo servito con delle patate duchessa o al forno. 

Prepararlo a casa non è difficile, l'unico accorgimento è che, avendo l'agnello una carne molto saporita e un odore molto intenso, è necessario lasciarla marinare per almeno 12 ore in un'emulsione a base di olio, vino bianco, aglio e erbe aromatiche. La marinatura serve anche per renderla più tenera ed eventualmente togliere il sapore di selvatico.

Per quanto riguarda il taglio di carne da scegliere, noi abbiamo utilizzato il cosciotto e le costolette, ma possiamo variare di volta in volta.

Ovviamente possiamo scegliere delle erbe aromatiche diverse, come per esempio la salvia al posto del timo o della maggiorana. 

Vediamo insieme come preparare l'agnello profumato alle erbe.

Categoria: Carne

4,0/5 Vota
Su un totale di voti: 5
  Photo credits:
Tempo 90 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Ingredienti per 4 persone

1 cosciotto da 1.5 kg oppure 1.5 kg di costolette 1 cosciotto da 1.5 kg oppure 1.5 kg di costolette
olio 50 ml di olio extravergine di oliva
vino bianco 600 ml di vino bianco
aglio 2 spicchi d'aglio
prezzemolo q.b. erbe aromatiche (rosmarino-timo-prezzemolo-maggiorana)
sale e pepe q.b. sale e pepe

Preparazione

Come fare l'agnello alle erbe

Per preparare questa ricetta dobbiamo iniziare il giorno prima preparando la marinatura e lasciando la carne a marinare per almeno 12 ore.

Prendiamo una teglia e adagiamo il nostro cosciotto o le nostre costolette.

Prepariamo un'emulsione fatta con l'olio extravergine e 400 ml di vino bianco. Versiamola sulla nostra carne massaggiandola bene per qualche secondo. 

Prepariamo il trito di erbe aromatiche, rosmarino, timo, prezzemolo e maggiorana.

Ora dobbiamo praticare dei tagli verticali nella carne ad una distanza di circa 4 cm uno dall'altro. Questa operazione si chiama steccatura. Sbucciamo l'aglio e tagliamolo a fettine. Dobbiamo ottenere tante fette quanti sono i tagli praticati nel cosciotto o nelle costolette. Infiliamo una fettina d'aglio in ogni spazio.

Ora cospargiamolo con il trito di erbe aromatiche e massaggiamola per farle aderire bene. Cerchiamo di far penetrare le nostre erbe anche nella steccatura.

Lasciamo il cosciotto (o le costolette) a marinare per almeno 12 ore, rigirandolo di tanto in tanto.

Trascorso questo tempo, siamo pronti per procedere con la cottura.

Togliamo il nostro agnello dalla marinatura, conservando però il trito di erbe. Possiamo filtrare il liquido con il colino. Massaggiamo la carne con le erbe, sale e pepe e mettiamola in una teglia da forno antiaderente cosparsa con qualche cucchiaio di olio. Non esageriamo perché l'abbacchio è una carne molto grassa.

Preriscaldiamo il forno a 190° e, quando ha raggiunto la temperatura, cuociamo per 15 minuti.
Abbassiamo la temperatura a 170°-180° e continuiamo la cottura per altri 45 minuti. Giriamola 3 o 4 volte facendo attenzione a non bucare la carne per evitare che le fibre si rompano e la carne risulti secca.

Durante la cottura, bagniamo la carne con il vino bianco rimasto (circa 200 ml).
Trascorso il tempo indicato, la carne dovrebbe essere pronta.

Possiamo l'agnello profumato alle erbe con patate duchessa oppure con patate arrosto cotte in una teglia a parte.

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 5, Media voti: 4

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Possiamo scegliere anche pezzi di agnello diversi e fare un mix di cosciotto, costine e altri pezzi o utilizzarne solo una tipologia. Vino bianco, prosecco o eventualmente la birra sono perfetti per la marinatura,

    Sconsigliamo la congelazione.

    Per quale occasione

    L'agnello alle erbe aromatiche è un piatto gustoso perfetto da preparare in occasione di una festa importante, come la Pasqua.

    Curiosità

    Forse non tutti sanno che abbacchio e agnello sono lo stesso animale, ma abbacchio è il termine dialettale utilizzato per indicare un piccolo agnello da latte che non superi i 7 kg, nutrito solo con il latte della madre e macellato entro le prime 8 settimana di vita.

    La video ricetta del giorno

    Hai provato la ricetta?

    Hai dubbi o domande?

    Accedi per commentare

    Potrebbero interessarti anche