Rabaton alessandrini

4,5/5 Vota
Su un totale di voti: 666
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 40 min
Difficoltà Facile
Porzioni 3
Costo Basso

I rabaton sono un piatto tipico di Alessandria, per l'esattezza di Litta Parodi.
Si tratta di una ricetta della trazione di cui esistono molte versioni: l'ingrediente principale può variare tra bietole (biete), spinaci ed erbette edibili.
Noi non abbiamo la certezza di quale sia quello originale, ma ci affidiamo ad una ricetta che ci fu regalata da una nonna di Litta Parodi che cucina i rabaton la domenica per la famiglia da quando ne ha memoria.

L'aspetto è simile a quello di gnocchi allungati e sottili: il loro nome deriva da un termine dialettale che significa "arrotolare" proprio per indicare la modalità con cui vengono realizzati.

Si tratta di un primo piatto preparato con un impasto di bietole, ricotta, uova e parmigiano, insaporito con prezzemolo e noce moscata.
Per la loro preparazione sono previste due cotture, una in acqua salata e una in forno.

Scopriamo insieme, con la video ricetta e i consigli passo passo, come fare degli ottimi rabaton alessandrini.

Categoria: Gnocchi

erbette 500 g di bietole (spinaci o erbette edibili)
ricotta 200 g di ricotta vaccina
uovo 2 uova
parmigiano 50 g di parmigiano grattugiato + q.b.
farina 00 4 cucchiai di farina 00
pangrattato 3 cucchiai di pangrattato
aglio 1 spicchio d' aglio
prezzemolo 5-6 foglie di prezzemolo
sale q.b. sale
noce moscata q.b. noce moscata
salvia q.b. salvia
burro q.b. burro

Video Ricetta

Passo Passo

Preparazione

Come fare i Rabaton alessandrini

Rabaton - Passaggio 1
Rabaton - Passaggio 2

Per prima cosa sbollentiamo in abbondante acqua salata le bietole [1].
Dopo averle cotte qualche minuto, scoliamole con una schiumarola [2] e teniamo da parte l'acqua di cottura che ci servirà in un secondo momento.
Strizziamole molto bene e mettiamole in una ciotola.

Rabaton - Passaggio 3
Rabaton - Passaggio 4

Tritiamo con il coltello o una mezzaluna uno spicchio d'aglio e qualche foglia di prezzemolo [3], quindi aggiungiamo le bietole e tritiamo anch'esse [4].

Rabaton - Passaggio 5
Rabaton - Passaggio 6

In una boule versiamo un cucchiaio di pangrattato, la farina, il parmigiano [5] e insaporiamo con un po' di sale e noce moscata.
Quindi uniamo la ricotta, il trito di bietole e le uova precedentemente sbattute con la forchetta [6]
Iniziamo a mescolare e gradualmente aggiungiamo ancora due cucchiai di pangrattato cercando di ottenere un composto morbido e omogeneo quanto più possibile.

Rabaton - Passaggio 7
Rabaton - Passaggio 8

Passiamo ora alla composizione vera e propria dei rabaton: infariniamo un piano lavoro o un tagliere e prendiamo poco composto alla volta. Lavoriamolo con le mani in modo da formare uno gnocco allungato dalla forma cilindrica di circa 7 cm di lunghezza [7] poi passiamolo nella farina [8].

Rabaton - Passaggio 9
Rabaton - Passaggio 10

Rimettiamo sul fuoco l'acqua di cottura delle bietole e quando giunge ad ebollizione, mettiamo a cuocere i rabaton: quando risalgono a galla, come degli gnocchi tradizionali, scoliamoli [9] e posizionamoli in una pirofila precedentemente imburrata (noi ne abbiamo utilizzata una di 20x20 cm di larghezza) [10].
Calcolate che la dose per persona prevede 7 rabaton.

Rabaton - Passaggio 11
Rabaton - Passaggio 12

Cospargiamo con un po' di parmigiano grattugiato, mettiamo su ogni rabaton un fiocchetto di burro [11] e spezzettiamo qualche foglia di salvia.
Cuociamo in forno già caldo a 180° per circa 10-12 minuti [12], giusto il tempo che il burro si sciolga, la superficie risulti dorata e si formi una sottile crosticina croccante.

Rabaton - Passaggio 13
Rabaton - Passaggio 14

In alternativa possiamo condirli con sugo di pomodoro [13] e parmigiano. Cuocendoli in forno sempre una decina di minuti a 180° [14].

Serviamo i nostri rabaton caldi appena sfornati.

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 666, Media voti: 4.5

    Torna alla Ricetta

    Consigli

    Se non gradite il sapore dell'aglio potete ometterlo.

    Per quale occasione

    Un piatto che si prepara in poco tempo, perfetto per qualsiasi occasione, sia per un pranzo tra amici sia per ricorrenze speciali.

    Vino da abbinare

    I rabaton alessandrini sono ottimi se gustati con un Barbera.

    Curiosità

    La giusta porzione è di 7 rabaton piemontesi a testa.

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (13)

    Anna
    lunedì 29 marzo 2021

    Si possono fare anche il giorno prima e mettere in frigo e cuocere in forno l'indomani? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 29 marzo 2021

    Certamente, conservali in frigo ben chiusi

    Rispondi
    Riccardo
    lunedì 17 agosto 2020

    Si possono fare un giorno e cuocerli il giorno dopo?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 17 agosto 2020

    Certamente, conservali in frigo ben chiusi

    Rispondi
    Simona
    domenica 28 giugno 2020

    Deliziosi mia figlia di 3 anni ne ha mangiati 4 e ne voleva ancora

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 28 giugno 2020

    💖😊

    Rispondi
    Ivana Mauri
    venerdì 13 dicembre 2019

    Sì possono preparare qualche giorno prima e poi cuocerli. Sì possono congelare sia crudi o cotti? Grazie mille.

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 14 dicembre 2019

    Ciao Ivana, ti consigliamo di prepararli e congelarli da crudi

    Rispondi
    Ivana
    ha scritto: sabato 14 dicembre 2019

    Grazie mille. Buon Natale.

    Rispondi
    Ileana Ravelli
    domenica 8 dicembre 2019

    Si possono congelare?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: domenica 8 dicembre 2019

    Sì, da crudi

    Rispondi
    Sabrina
    lunedì 4 novembre 2019

    Si possono congelare ?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: martedì 5 novembre 2019

    Certamente Sabrina 😊

    Rispondi