Pasta alla norma al forno

La pasta alla norma al forno è una variante gustosissima della pasta alla norma classica.

Ci siamo ispirati a questo celebre primo piatto siciliano per preparare una teglia di pasta al forno filante, sugosa e con una squisita gratinatura croccante da gustare per il pranzo della domenica in famiglia.

Gli ingredienti sono gli stessi: sfoglie di melanzane fritte, ricotta salata e salsa di pomodoro fresco e basilico con cui condire la pasta. In più c’è l’aggiunta della mozzarella e il passaggio in forno, dove si forma una crosticina dorata e un cuore filante che regalano a questo piatto sapori, profumi e consistenze irresistibili!

Potete prepararla anche in anticipo ed è l’ideale non solo per i pranzi in compagnia, ma anche per un buffet o per una scampagnata.

Vediamo insieme il procedimento!

Categoria: Primi

4,9/5 Vota
Su un totale di voti: 32
  Photo credits:
Tempo 40 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Medio

Ingredienti per 4 persone

fusilli 400 g di pasta (fusilli - penne - mezze zite)
melanzana 500 g di melanzane
pomodori pelati 750 g di pomodori maturi da sugo (oppure 600 g di pomodori pelati)
ricotta 160 g di ricotta salata
mozzarella 300 g di mozzarella
basilico q.b. basilico
aglio 1 spicchio di aglio
sale q.b. sale
olio q.b. olio extravergine di oliva
olio 1 l di olio di semi di arachide (per friggere)

Preparazione

Come fare la pasta alla norma al forno

Pasta alla norma al forno - P1
Pasta alla norma al forno - P2

Per realizzare la pasta alla norma al forno, iniziamo tagliando in quattro le melanzane e affettando ogni spicchio in fettine sottili pochi millimetri. [1]
In una larga casseruola scaldiamo l’olio e friggiamo le melanzane, un po’ per volta, per 2 minuti; infine scoliamole su carta paglia o su carta assorbente. [2]

Pasta alla norma al forno - P3
Pasta alla norma al forno - P4

Grattugiamo la ricotta salata e raccogliamola in una ciotola. [3]
Sbollentiamo i pomodori freschi in acqua bollente per 5 minuti. Passiamoli al passaverdure (o nel minipimer) per ottenere una salsa liscia. Nel caso usaste i pelati frullateli direttamente.
Versiamo la salsa in un’ampia padella dove avremo scaldato l’olio con uno spicchio d’aglio. Aggiungiamo qualche foglia di basilico e cuociamo per 10/15 minuti. Saliamo e aggiungiamo altro basilico. [4] 

Pasta alla norma al forno - P5
Pasta alla norma al forno - P6

Aggiungiamo al sugo di pomodoro le sfoglie di melanzana fritte, tenendone da parte una manciata. Mescoliamo bene e cuociamo per altri 5 minuti. [5]
Scoliamo la pasta al dente e versiamola direttamente nel sugo di pomodoro, aggiungiamo metà della ricotta salata grattugiata e mescoliamo per condire bene. [6]

Pasta alla norma al forno - P7
Pasta alla norma al forno - P8

Imburriamo una teglia e versiamoci metà della pasta, copriamo con metà mozzarella tagliata a fettine e copriamo con l’altra pasta, la mozzarella, la ricotta salata rimasta, basilico e condiamo con filo di olio (o se preferite ciuffetti di burro). [7]
Cuociamo in forno statico preriscaldato a 180° per 20 minuti e azioniamo la funziona grill per altri 5 minuti per ottenere una bella gratinatura croccante.
Sforniamo e guarniamo con le melanzane messe da parte e qualche fogliolina di basilico. La nostra pasta alla norma al forno è pronta per essere portata in tavola. [8]

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 32, Media voti: 4.9

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Potete conservare la pasta alla norma al forno per un massimo di due giorni in frigorifero, chiusa in un contenitore.
    Chi lo desidera può anche congelarla.

    Tagliate le melanzane in sfoglie sottili, in tal modo otterrete delle chips di melanzane croccanti e gustosissime, che daranno quel quid in più alla vostra pasta al forno.

    Per quale occasione

    Un'idea per il pranzo della domenica, una cena con amici ma anche un buffet.

    La video ricetta del giorno

    Hai provato la ricetta?

    Hai dubbi o domande?

    Accedi per commentare

    Potrebbero interessarti anche