Marmellata di arance amare

4,8/5 Vota
Su un totale di voti: 4
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Marmellata di arance amare
  Photo credits:
Tempo 90 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Presentazione

La marmellata di arance amare è una conserva realizzata con questa tipologia di arancia, che non sempre tutti conoscono.

A causa del loro gusto amarognolo, infatti, non vengono consumate al naturale. Eppure sono ricchissime di proprietà; con le foglie è possibile inoltre realizzare tisane calmanti, mentre con la polpa si prepara la marmellata, che viene addolcita dallo zucchero e dalla vaniglia.

La conserva è perfetta per farcire delle crostate diverse dal solito, da utilizzare come decorazione sul pan d'arancio o come ripieno per dei biscottini di pasta frolla facilissimi, meglio ancora se al cacao.

Consigliamo di acquistare delle arance amare non trattate o eventualmente di lavare per bene la superficie, poiché nella preparazione verrà utilizzata anche la buccia.

Vediamo insieme i passaggi per preparare una deliziosa marmellata di arance.

Categoria: Marmellate

arancia 1 kg di arance amare di coltivazione biologica
zucchero 800 g di zucchero
2 stecche di vaniglia 2 stecche di vaniglia
limone 1 limone
acqua 2 litri di acqua

Preparazione

Come fare la Marmellata di arance amare

Per prima cosa laviamo bene le arance, poiché si utilizzeranno anche le bucce
Tagliamole a fette sottili che metteremo in una pentola con lo zucchero e la cannella. Posizioniamo sul fuoco lento e lasciamo sciogliere lo zucchero. 
A questo punto uniamo l'acqua e il succo di limone e portiamo a bollore.

Quando iniziano a farsi a vedere le bollicine, copriamo con il coperchio e abbassiamo il fuoco al minimo.
Da quel momento, lasciamo cuocere per circa un'ora, girandola di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.

Il tempo di cottura dipenderà comunque dal grado di densità preferita; se la vogliamo più densa, possiamo cuocerca 15-20 minuti in più facendo attenzione che non attacchi sul fondo. A cottura ultimata, trasferiamo  la marmellata ancora bollente in contenitori di vetro che avremo fatto prima sterilizzare seguendo uno dei metodi indicati nella nostra guida. 

Per assicurarvi di aver creato il sottovuoto e di potere conservare i barattoli correttamente, facciamo una piccola pressione sul rialzo al centro del tappo: se non si schiaccerà, avremo fatto un buon lavoro. Se questo emetterà un suono tipo "click clack" sarà rimasta aria nel vasetto e quindi la marmellata non sarà sottovuoto.

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 4, Media voti: 4.8

    Vai alla Ricetta

    Per quale occasione

    Ottima da spalmare su fette biscottate o farcire crostate

    Hai provato la ricetta o hai domande?

    Potrebbero interessarti anche