Arancini di riso

Gli Arancini di riso sono una ricetta tipica della rosticceria siciliana. Molte città ne rivendicano la paternità tra le quali Messina e Catania.

In alcune parti della Sicilia ha la forma sferica come un'arancia (da qui il nome arancina), mentre in altre zone viene chiamato arancino e prende la forma caratteristica di un cono rievocando l'Etna.

Vediamo allora come preparare gli originali arancini messinesi.
Gli ingredienti sono per circa 8 arancini.

Categoria: Secondi

4,5/5 Vota
Su un totale di voti: 106
  Photo credits:
Tempo 60 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Ingredienti per 8 arancini

Per il ragù: Per il ragù:
200 g di coppa di maiale 200 g di coppa di maiale
carne tritata 400 g di carne trita di bovino
salsiccia 200 g di salsiccia
cipolla 1 cipolla piccola
carota 1 carota
sedano 2 gambi di sedano
vino rosso 1/2 bicchiere di vino rosso
pomodoro 300 g di passata di pomodori
sale q.b. sale
olio q.b. olio extravergine d'oliva
alloro q.b. alloro
mortadella 100 g di mortadella tagliata a piccoli quadretti
piselli 100 g di piselli sbollentati
noce moscata q.b. noce moscata
riso Per il riso:
riso 500 g di riso Arborio
brodo vegetale 1.2 l brodo di brodo vegetale
burro 100 g di burro
zafferano 1 bustina di zafferano
sale 1 cucchiaino di sale
burro 1 noce di burro per mantecare
Per il ripieno: Per il ripieno:
caciocavallo q.b. formaggio a pasta filata tipo Galbanino o caciocavallo
Per la pastella: Per la pastella:
farina 00 200 g di farina 00
acqua 300 ml di acqua
sale 1 pizzico di sale fino
Per impanare e friggere: Per impanare e friggere:
pangrattato q.b. pangrattato
arachidi q.b. olio di semi di arachidi per friggere

Preparazione

Come fare gli Arancini di riso alla messinese

Il ragù 

Prepariamo in anticipo il ragù di carne, seguendo la nostra ricetta. Per gli arancini, il ragù deve essere molto denso e asciutto. Cuociamolo quindi fino a quando tutto il liquido si sarà asciugato.

Quando è pronto, a fuoco spento aggiungiamo i piselli sbollentati, la mortadella a pezzettini e la noce moscata.

Lasciamo raffreddare completamente. Prepariamolo, quindi, in anticipo.

Il riso

Dopo aver preparato il brodo vegetale in casa (possiamo utilizzare anche il dado), preleviamone circa 1,2 l versiamolo in una pentola e aggiungiamo il burro. Portiamo ad ebollizione. A questo punto, aggiungiamo il riso e il sale.

Sciogliamo lo zafferano in un bicchiere di brodo e aggiungiamolo al riso. Mescoliamo. Lasciamo cuocere a fiamma media, fino a quando tutto il liquido sarà stato assorbito. Togliamo quindi la pentola dal fuoco, aggiungiamo una noce di burro e mantechiamo per bene, mescolando.

Con l'aiuto di una spatola o di un cucchiaio, stendiamolo su una teglia e facciamolo raffreddare completamente. Per la corretta formazione degli arancini, il riso deve essere freddo, se no si apriranno in cottura.

Il ripieno

Quando il riso è completamente freddo (e anche il ragù) formiamo gli arancini prendendo in una mano una quantità di riso (circa 100 g), diamo una forma concava e riempiamo con un cucchiaino di ragù e qualche cubetto di formaggio filante.
Prendiamo ancora una quantità di riso e chiudiamo l'arancino, modellandolo con entrambe le mani fino a dargli una forma conica.

È importantissimo compattarli per bene, per evitare che si aprano durante la frittura. Eventualmente, è possibile farle riposare un paio d'ore in frigorifero prima della frittura.

La pastella

Prepariamo la pastella versando in una ciotola la farina setacciata, un pizzico di sale e l'acqua a filo. Mescoliamo con una frusta per togliere tutti i grumi.
La pastella deve raggiungere la consistenza di una cremina. Deve essere densa, per evitare che in cottura gli arancini si aprano e non tengano la forma. 

Passiamo l'arancino prima nella pastella e poi nel pangrattato.

La frittura

Scaldiamo in una padella l'olio di arachidi (Scopri la temperatura giusta per friggere) e tuffiamoci uno o due arancini per volta, per non abbassare la temperatura dell'olio. Ci vorranno circa 6-7 minuti ad arancino per ottenere la frittura e doratura ottimale. Scoliamoli e posizioniamoli sulla carta assorbente.

Mi raccomanda, l'arancino si mangia solo con le mani!

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 106, Media voti: 4.5

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Se non vogliamo friggere tutti gli arancini al momento, possiamo conservarli in frigorifero per 2-3 giorni o congelarli. Gli arancini congelati devono essere poi fatti scongelare a temperatura ambiente per circa 30 minuti, prima di cuocerli.

    Gli arancini, se mangiati il giorno dopo, possono essere riscaldati al forno o in microonde.

    Se gli arancini sono impregnati di olio dopo la frittura, significa che la temperatura dell'olio è troppo bassa, oppure si è abbassata perché si sono fritti troppi arancini alla volta.

    Provola o pecorino fresco sono ottime alternative al caciocavallo.

    Per quale occasione

    Gli arancini alla messinese sono perfetti come finger food, come antipasto o da portare durante un pic nic.

    Vino da abbinare

    Le caratteristiche di un buon arancino sono esaltate da un Franciacorta Satèn o un Prosecco Valdobbiadene.

    Curiosità

    Gli arancini siciliani si prestano a varie personalizzazioni, soprattutto se vengono preparati in casa. Famosissimi sono anche gli arancini di riso al burro, con la carne sfilacciata o il prosciutto cotto e la besciamella. Deliziosi sono gli arancini di riso al pistacchio, tipici di Catania.

    In Sicilia è molto sentita la ricorrenza di Santa Lucia, il 13 dicembre, che coincide anche con il giorno delle arancine.

     

     

    La video ricetta del giorno

    Hai provato la ricetta?

    Hai dubbi o domande?

    Accedi per commentare

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (1)


    maurizio d'andrea
    mercoledì 29 luglio 2020

    PROVERò PER ADESSO GRAZIE

    Rispondi