Ravioli senza glutine

4,8/5 Vota
Su un totale di voti: 9
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Ravioli senza glutine
  Photo credits:
Tempo 60 min
Difficoltà Media
Porzioni 4
Costo Basso

Presentazione

I ravioli senza glutine si preparano con la pasta fresca all'uovo senza glutine fatta in casa: uova, farina e sale permetteranno di creare un impasto morbido e lavorabile, anche da chi è alle prime armi in cucina.

Il ripieno è personalizzabile a piacere: noi abbiamo scelto ricotta e spinaci, ma è possibile riempirli con ragù, brasato, o optare per qualcosa di particolare come zucca o funghi. 

Utilizzare le farine senza glutine per preparare la pasta fresca non è difficile: a volte servono più esperimenti per arrivare al risultato perfetto, ma l'importante è provarci e trovare i giusti equilibri. 

Un dettaglio molto importante è questo: i mix senza glutine tendono ad assorbire molta più acqua rispetto ad una farina normale. Questo significa che, durante la lavorazione, è possibile ci sia la necessità di aggiungerne qualche goccia, per rendere l'impasto più malleabile. Non è una regola fissa, dipende infatti dalla composizione della farina stessa. 

Consigliamo quindi di tenere una tazzina di acqua vicino, per poterla aggiungere qualora l'impasto risultasse troppo farinoso (come succede per esempio con la farina di riso).

In generale, possiamo dire che ci va un uovo ogni 100 g di farina: in ogni caso nella fase della lavorazione su un piano infarinato, l'impasto tenderà ovviamente ad assorbirne un po'. 

Con queste dosi otteniamo circa 1 kg di ravioli: ovviamente dipenderà da quanto spessa sarà la pasta e da quanto ripieno c'è all'interno. Le dosi indicate sono per 4 persone.

Ecco di seguito la ricetta dei ravioli senza glutine!

Categoria: Ricette senza glutine

uovo 4 uova
farina 400 g di farina senza glutine (noi abbiamo usato Schär Mix It Universale o Caputo)
sale q.b. sale
acqua q.b. acqua (facoltativa)
ricotta 250 g di ricotta
spinaci 500 g di spinaci
noce moscata q.b. noce moscata

Preparazione

Come fare i Ravioli senza glutine

Su una spianatoia disponiamo la farina a fontana, facciamo un buco con le dita al centro (abbastanza largo da poter contenere 4 uova), saliamo a piacere ed iniziamo a impastare. Le farine senza glutine tendono ad assorbire molta più acqua rispetto a quelle normali: per questo motivo, in base al mix usato, è probabile dover aggiungere dell'acqua, per rendere l'impasto più lavorabile. 

Creiamo un panetto che lasceremo riposare per circa mezz'ora in frigorifero in una ciotola coperta con della pellicola trasparente.

Trascorso il tempo, infariniamo un piano di lavoro e preleviamo dall'impasto delle porzioni che andremo a spianare con l'aiuto di un mattarello (meglio se infarinato). Lo spessore dev'essere di 1-2 mm in modo che la pasta non risulti troppo grossa post cottura.

Prendiamo a questo punto un taglia pasta per ravioli (o se ne siete sprovvisti, delle formine per biscotti rotondi) e iniziamo a creare le nostre basi da farcire. 

Cuociamo gli spinaci, scoliamoli dall'acqua in eccesso, tagliamoli finissimi e uniamo la ricotta, la noce moscata e il sale. 

A questo punto siamo pronti a posizionare il ripieno nei ravioli: preleviamone un po', chiudiamo perfettamente gli estremi dei ravioli e con una forchetta facciamo pressione sui bordi. Infariniamoli leggermente per evitare che in cottura si appiccino.

Facciamo bollire l'acqua, saliamo e cuociamoli per qualche minuto. Consigliamo di assaggiarli prima di scolarli, per valutare la corretta cottura. 

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 9, Media voti: 4.8

    Vai alla Ricetta

    Consigli

    I ravioli senza glutine possono essere congelati. Qualora non li congelassimo, consigliamo di consumarli al massimo un giorno dopo averli preparati, per far sì che la pasta non secchi troppo. 

    È possibile dargli un tocco in più, aggiungendo dello zafferano nell'impasto.

    La cottura varierà e dipenderà dallo spessore della pasta: quando sono quasi pronti i ravioli tendono a salire in superficie. Da questo momento consigliamo di farli cuocere ancora qualche minuto o eventualmente di assaggiarli, prima di scolarli. 

    Appena mettiamo i ravioli nella pentola, possiamo dargli una girata delicata con la forchetta, stando però attenti a non rovinarli. Scoliamoli delicatamente.

    Per quale occasione

    Per un pranzo in famiglia

    Hai provato la ricetta o hai domande?

    Potrebbero interessarti anche