Paccheri ripieni

4,7/5 Vota
Su un totale di voti: 241
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Paccheri ripieni
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 90 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

I paccheri ripieni e cotti al forno sono un primo piatto ricco e saporito, perfetto per un pranzo in famiglia, preparato con paccheri farciti con un ragù di carne e piselli.

I paccheri vengono disposti in piedi nella teglia, farciti, ricoperti da un generoso strato di besciamella e poi cotti al forno. Per velocizzare il procedimento è possibile cuocere il ragù il giorno prima, in modo da averlo pronto per farcire i paccherri all'occorrenza: sarà quindi sufficiente lessare la pasta, riempirla appunto con la farcia realizzata e infornare fino a doratura.

Quella dei paccheri ripieni al forno è una ricetta facilmente personalizzabile con ingredienti sempre diversi: possiamo omettere i piselli e magari aggiungere speck o prosciutto a cubetti, oppure preparare un ripieno di ricotta e spinaci e prima di infornarli aggiungere della mozzarella o scamorza a pezzetti.

I paccheri ripieni mettono sempre d’accordo tutti, sono un piatto perfetto per la tavola delle feste e per pranzi e cene in compagnia.

Categoria: Primi

PER IL RAGÙ PER IL RAGÙ
olio q.b. olio extra vergine di oliva
cipollotto 1 cipollotto fresco
carne tritata 500 g di carne tritata di vitello
piselli 150 g di piselli surgelati
vino bianco 50 ml di vino bianco secco
sale e pepe q.b. sale e pepe
passata di pomodoro 700 g di passata di pomodoro
pasta PER LA PASTA
Paccheri 500 g di paccheri lisci
besciamella 500 ml di besciamella
ricotta 50 g di ricotta salata
pepe q.b. pepe
basilico q.b. basilico fresco

Preparazione

Come fare i Paccheri ripieni

Paccheri ripieni - P1
Paccheri ripieni - P2

Preparate il ragù: in una casseruola fate imbiondire in un fondo d’olio il cipollotto tritato [1].
Aggiungete la carne tritata e fate rosolare a fuoco vivace mescolando di tanto in tanto. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare [2].

Paccheri ripieni - P3
Paccheri ripieni - P4

Aggiungete anche i piselli che avrete sciacquato in un colino sotto acqua corrente per eliminare residui di ghiaccio. Mescolate e cuocete per circa 10 minuti [3].
Aggiungete la passata di pomodoro, un mestolo di acqua calda e regolate di sale [4].

Paccheri ripieni - P5
Paccheri ripieni - P6

Proseguite la cottura del ragù con il coperchio, a fuoco bassissimo, per circa un’ora [5].
Poco prima di terminare la cottura, portate a ebollizione abbondante acqua salata, cuocetevi i paccheri e scolateli al dente. Disponeteli in piedi in una teglia poco più alta della pasta, cercando di non lasciare spazi vuoti [6].

Paccheri ripieni - P7
Paccheri ripieni - P8

Farcite ogni pacchero con un cucchiaio di ragù, lasciandone da parte un mestolo per la copertura finale [7].
Terminate il ragù distribuendolo su tutta la teglia, grattugiate la ricotta salata e distribuitevi in ultimo la besciamella (preparatela seguendo la nostra ricetta, dimezzando le dosi). Infornate i paccheri a 200 gradi per circa 30 minuti, sfornateli e servite guarnendo con qualche fogliolina di basilico e pepe macinato fresco [8].

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 241, Media voti: 4.7

    Torna alla Ricetta

    Consigli

    I paccheri ripieni si conservano per 2-3 giorni in frigo in un contenitore di vetro, riscaldandoli in padella o al forno al momento di consumarli.

    È consigliabile cuocere al dente i paccheri per fare in modo che mantengano la forma cilindrica e sia più facile farcirli.

    I paccheri ripieni si possono congelare, sia prima che dopo il passaggio in forno.

    I paccheri ripieni si possono farcire in molti modi, il ragù di carne si può realizzare senza piselli, si possono aggiungere parmigiano o cubetti di mozzarella, ma anche funghi trifolati, carciofi, pancetta o salsiccia.

    Per quale occasione

    Una pasta al forno gustosa tipica del pranzo della domenica in famiglia.

    Hai provato la ricetta?
    Hai dubbi o domande?