Maritozzi con la panna

4,6/5 Vota
Su un totale di voti: 224
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 360 min
Difficoltà Media
Porzioni 6
Costo Basso

maritozzi con la panna sono un dolce tipico della tradizione dolciaria del Lazio, più precisamente di Roma: caratterizzati da una forma ovale, sono soffici panini di pasta brioche lievitata aromatizzati con la scorza d'arancia grattugiata, farciti con panna montata e decorati con una spolverata di zucchero a velo.

L'origine del nome è legata all'usanza di offrire questo dolce alle future spose, che chiamavano in modo vezzeggiativo il fidanzato che lo donava "maritozzo". 

I maritozzi possono essere realizzati a mano con un po’ di anticipo, anche senza l'utilizzo dell'impastatrice. La farcitura, invece, deve avvenire al momento, affinché la panna resti ben soda e la consistenza dell’impasto non diventi troppo umida.

Alcune ricette prevedono l'utilizzo dell'uvetta: scegliete la versione che preferite, senza dimenticare di spennellare la superficie con l'albume prima di infornarli. Questo passaggio, infatti, è indispensabile per creare l'effetto lucido post cottura e permettere allo zucchero a velo di essere trattenuto.

Se vi abbiamo incuriosito, non perdete i nostri consigli e le spiegazioni passo passo che vi guideranno nella preparazione di squisiti maritozzi.

Voglia di brioche? Provate la nostra ricetta delle brioche alla crema!

Categoria: Dolci

PER L'IMPASTO PER L'IMPASTO
farina manitoba 250 g di farina Manitoba
farina 00 250 g di farina 00
lievito di birra 20 g di lievito di birra fresco
tuorlo 1 tuorlo d’uovo
zucchero 75 g di zucchero semolato
sale 5 g di sale
strutto 65 g di strutto
acqua 170 ml di acqua
panna 70 ml di panna fresca
latte 100 ml di latte intero
arancia la scorza grattugiata di un’ arancia
PER DECORARE PER DECORARE
albumi 1 albume
panna 250 g di panna da montare già zuccherata
zucchero a velo q.b. zucchero a velo

Preparazione

Come fare i Maritozzi con la panna

Maritozzi con la panna - p1
Maritozzi con la panna - p2

Impastate insieme tutti gli ingredienti: alle farine aggiungete lo zucchero, la scorza d’arancia, il lievito sciolto in acqua, la panna e il latte. Unite anche il tuorlo d’uovo e iniziate a impastare. Aggiungete quindi il sale e lo strutto [1].
Lavorate l’impasto a lungo (a mano o con la planetaria) fino a quando non risulterà liscio, lucido e non appiccicoso. Serviranno circa 20 minuti, ribaltando l’impasto 2 o 3 volte. Formate una palla e ponetela a lievitare in una ciotola leggermente unta e coperta da pellicola per circa un’ora e mezza [2].

Maritozzi con la panna - p3
Maritozzi con la panna - p4

Trascorso questo tempo l’impasto avrà raddoppiato il suo volume e sarà pronto [3].
Trasferitelo delicatamente su un piano di lavoro, ricavate dei pezzetti del peso di circa 70 g e dategli una forma ovale dalla superficie liscia [4].

Maritozzi con la panna - p5
Maritozzi con la panna - p6

Posizionate i maritozzi su una leccarda rivestita di carta da forno, distanziandoli di almeno 5 cm [5].
Copriteli con pellicola e lasciateli lievitare ancora un’ora e mezza [6]. 

Maritozzi con la panna - p7
Maritozzi con la panna - p8

Spennellateli con l’albume e infornateli a 180° (forno caldo) fino a doratura (circa 25 minuti) [7].
Quando saranno ben freddi, incideteli a metà nel senso della lunghezza e farciteli con ciuffi di panna montata. In alternativa potete spatolare la panna per renderla omogenea, allo stesso livello del taglio. Spolverizzate con poco zucchero a velo [8].

 

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 224, Media voti: 4.6

    Torna alla Ricetta

    Consigli

    Per montare la panna alla perfezione è consigliabile mettere la ciotola, le fruste e la panna in frigorifero fino al momento in cui si dovrà procedere a lavorare la materia grassa. 

    Dopo cotti, i maritozzi privi di farcitura si conservano bene per due giorni, tuttavia, se si desidera conservare i dolci per un tempo maggiore è possibile farlo congelandoli. Una volta scongelati i maritozzi possono tranquillamente essere farciti.

    Il maritozzo ha un sapore piuttosto neutro e può quindi essere farcito con creme diverse, anche se lontane dalla tradizione. In alcune ricette l’impasto viene arricchito con uvetta o pinoli.

    E’ necessario che l’impasto subisca una doppia lievitazione per rendere i maritozzi soffici come una nuvola. Una volta cotti, dovranno essere ben freddi prima di farcirli con panna montata.

    Per quale occasione

    Un dolce goloso per una colazione speciale o una merenda pomeridiana.

    Curiosità

    L'origine del nome è legata all'usanza di offrire questo dolce alle future spose, che chiamavano in modo vezzeggiativo il fidanzato che lo donava "maritozzo".

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (11)

    Giulia
    giovedì 15 aprile 2021

    Come posso sostituire lo strutto?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: giovedì 15 aprile 2021

    Ciao Giulia, con 80 g di burro

    Rispondi
    DANIELA CASIERI
    sabato 9 gennaio 2021

    Si può usare il burro al posto dello strutto???? E on grammi quanto????

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: sabato 9 gennaio 2021

    Certo, stesso peso!!!

    Rispondi
    Daniela Casieri
    ha scritto: sabato 9 gennaio 2021

    Grazie mille

    Rispondi
    Daniela Casieri
    ha scritto: domenica 10 gennaio 2021

    Grazie mille

    Rispondi
    Doris Bolognini
    martedì 29 dicembre 2020

    Buongiorno si può sostituire lo strutto con altri ingredienti? Grazie

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: martedì 29 dicembre 2020

    Sì, con burro nella stessa quantità

    Rispondi
    Doris Bolognini
    ha scritto: martedì 29 dicembre 2020

    Grazie mille

    Rispondi
    Ange
    mercoledì 1 aprile 2020

    Salve...vorrei provare questa ricetta...ma non ho la farina di Manitoba. Posso sostituirla con una normale farina 00?

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: mercoledì 1 aprile 2020

    Ciao Ange, non te lo consigliamo

    Rispondi