Malloreddus alla campidanese

I malloreddus alla campidanese sono un gustoso primo piatto della cucina sarda: un saporito sugo di salsiccia e pecorino accompagna questi tipici gnocchetti.
4,7/5 Vota
Su un totale di voti: 7
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 60 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Medio

I malloreddus alla campidanese sono un primo piatto tipico della cucina sarda preparato con i tipici gnocchetti sardi conditi con un ragù di salsiccia e abbondante pecorino grattugiato.

Si tratta di un formato di pasta di grano duro tipico della Sardegna, hanno la forma di una piccola conchiglia rigata.
Sia le righe che la cavità interna consentono ai malloreddus di catturare perfettamente tutti i condimenti con cui vengono preparati, per un risultato davvero gustoso.

In alcune versioni, i malloreddus alla campidanese vengono realizzati aggiungendo lo zafferano al sugo di salsiccia, sotto forma di fili o direttamente in polvere.
Pronti in pochi passaggi, saranno un vero successo!

Categoria: Primi

sarde 400 g di malloreddus o gnocchetti sardi
salsiccia 300 g di salsiccia fresca
cipolla 1 piccola cipolla
pecorino 150 g di pecorino sardo semistagionato grattugiato
passata di pomodoro 500 ml di passata di pomodoro
olio q.b. olio extra vergine d'oliva
sale q.b. sale

Preparazione

Come fare i Malloreddus alla campidanese

Malloreddus - Passaggio 1
Malloreddus - Passaggio 2

Affettate sottilmente la cipolla e fatela appassire in una padella con un filo d’olio. Aggiungete la salsiccia privata  e sbriciolata. [1]
Fate rosolare la salsiccia a fuoco vivo per qualche minuto, fino a quando sarà leggermente dorata. [2]

Malloreddus - Passaggio 3
Malloreddus - Passaggio 4

Aggiungete la passata di pomodoro [3] e un mestolo di acqua calda. 
Regolate di sale e cuocete il sugo per circa un’ora, con il coperchio e a fuoco basso. [4]

Malloreddus - Passaggio 5
Malloreddus - Passaggio 6

Quando il ragù di salsiccia sarà quasi pronto, portate a ebollizione abbondante acqua poco salata e cuocetevi i malloreddus [5]. Scolateli al dente.
Versate i malloreddus nella padella del condimento [6], mescolate bene per condirli in modo uniforme.

Malloreddus - Passaggio 7
Malloreddus - Passaggio 8

Aggiungete, fuori dal fuoco il pecorino grattugiato finemente [7].
Mantecate energicamente per rendere il condimento cremoso e vellutato [8], impiattate e servite immediatamente.

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 7, Media voti: 4.7

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    I malloreddus alla campidanese si conservano in frigorifero per 1-2 giorni in un contenitore di vetro.
    Si sconsiglia la congelazione.

    E’ consigliabile mantecare la pasta con il formaggio lontano dai fornelli per fare in modo che resti cremoso e non si cuocia. In questo modo il pecorino renderà il sugo più denso e vellutato, sciogliendosi. Cuocete e scolate la pasta al dente perché dovrà insaporire nel sugo di salsiccia ancora per qualche minuto.

    I malloreddus possono essere preparati anche in casa, dato che hanno una forma simile a quella di piccoli gnocchetti, con semola di grano duro, acqua e un pizzico di zafferano nell’impasto.

    Se preferite, potete aggiungere qualche foglie di basilico fresco al sugo di carne e stemperare il pecorino con qualche cucchiaio di acqua di cottura prima di unirlo alla pasta.

    Per quale occasione

    Per un gustosissimo pranzo in famiglia.

    Curiosità

    Nel sud della Sardeggna viene usato il termine "malloreddus", mentre al centro-nord si usa "maccarones".

    La video ricetta del giorno