Come fare la polenta

Come fare la polenta
Photo credits:

Ingredienti e dosi

La farina

L'ingrediente principe della polenta è sicuramente la farina di mais, con vari livelli di raffinazione a seconda delle tradizioni del luogo. Per ottenere la polenta classica dal tipico colore giallo-oro si usa la farina di mais bramata, macinata a pietra, che però necessita di una cottura molto lenta e lunga. 
Per ovviare a questo problema, è in commercio una varietà di farina per polenta istantanea che vi permetterà di ottenere il piatto in soli dieci minuti.
Per quanto riguarda le dosi, generalmente si devono calcolare 60 grammi di farina a testa, quindi se siete in 6 persone, ad esempio, dovrete utilizzarne 360 grammi. 

L'acqua

Il secondo ingrediente da dosare è l'acqua, la cui quantità dipende molto dalla consistenza che desiderate ottenere. 
Se, infatti, volete una consistenza morbida, per una polenta da mangiare al cucchiaio, la proporzione da tenere è di 1 a 5, quindi 1 litro di acqua ogni 200 grammi di farina.
In caso optiate invece per una polenta un po' più consistente, utilizzate una proporzione di 1 a 4, quindi 1 litro di acqua ogni 250 grammi di farina.
Infine, se desiderate una polenta soda e compatta perchè desiderate servirla a fette, si deve usare una proporzione di 1 a 3, quindi ad esempio 600 ml di acqua ogni 200 grammi di farina.

Preparazione

Il primo passo per cucinare un'ottima polenta è portare ad ebollizione l'acqua già salata. Si può anche aggiungere un cucchiaio di olio di oliva per un sapore più gustoso.
Quindi, quando l'acqua bolle è il momento di aggiungere la farina: questo è un passaggio un po' delicato, perché se aggiungete tutta la farina in una volta rischiano di formarsi grumi fastidiosi. Per questo motivo, lasciate cadere la farina nell'acqua lentamente, a pioggia, sempre mescolando con la frusta o un cucchiaio di legno.

A questo punto si lascia cuocere la polenta, sempre mescolando nello stesso verso. È importante non far attaccare l'impasto al fondo, per evitare che la vostra polenta assuma un retrogusto amaro. Per la farina bramata sono necessari circa 40 minuti di cottura, mentre per quella istantanea ne bastano 10. 

Se verso la fine della cottura vi accorgete che la polenta non ha la consistenza morbida che desiderate, potete aggiungere uno o due mestoli di acqua bollente. 

Quando la polenta inizierà a non attaccarsi più ai bordi della pentola, allora significa che è pronta per essere servita.
Versatela dunque su un tagliere di legno e portatela in tavola!

Come servire la polenta

La polenta si presta ad essere servita in un'infinità di modi diversi. 
Possiamo, ad esempio, utilizzarla per accompagnare carne brasata, sughi e verdure, nella sua forma più morbida. 
Altrimenti, lasciandola raffreddare e poi tagliandola a fette, è ottima come contorno per grigliate, oppure può anche essere fritta in olio d'oliva caldo o utilizzata per piatti originali come la nostra millefoglie di polenta.

Metodi di cottura alternativi

Se non abbiamo abbastanza tempo per preparare la polenta continuando a mescolare, esistono metodi di preparazione alternativi che non richiedono lo stesso sforzo. 
Ad esempio, possiamo preparare la polenta utilizzando la pentola a pressione. Basta versare la farina nella pentola con acqua fredda, mescolando bene in modo che non si formino grumi; a questo punto, chiudiamo il coperchio e lasciamo cuocere a fuoco medio per 30 minuti da quando inizia il fischio.

Un metodo ancora più veloce è utilizzare il microonde, sistema che richiede meno di mezz'ora, ma soprattutto per il quale non è necessario continuare a mescolare la polenta.
Per prima cosa facciamo bollire l'acqua nel microonde in un contenitore adatto: saranno necessari circa 2-4 minuti a 800 W. Quindi aggiungiamo la farina, sempre lentamente e mescolando bene. Copriamo con il coperchio e rimettiamo nel forno e lasciamo cuocere per 20 minuti a 800W, bloccando la cottura a metà per dare una mescolata e controllare se sia il caso di aggiungere ulteriore acqua.

Ti è piaciuta la ricetta?