Frittelle di riso con il Bimby

Le frittelle di riso con il Bimby sono perfette da preparare in occasione di della festa di San Giuseppe, il 19 marzo. 

Sono piccoli bocconcini fritti a base di riso, latte e farina, aromatizzati con limone e vaniglia; per una versione ancora più golosa, ma adatta agli adulti, si può aggiungere qualche goccia di liquore.

Ottime da gustare da sole, ancora tiepide, oppure insieme a una tazza di cioccolata calda o di tè. Nessuna vieta, inoltre, di ricoprirle di cioccolato fondente o eventualmente farcirle con Nutella, crema pasticcera o marmellata! 

Le frittelle di riso sono tipiche della Toscana e dell'Umbria e si preparano di solito dai primi giorni di carnevale fino al giorno dedicato alla festa del papà.

Il Bimby ci aiuterà nella loro preparazione: basta cuocere il riso nel latte aromatizzato con vaniglia e poi, una volta raffreddato, amalgamarlo assieme a uova, farina, zucchero. Una breve frittura in olio caldo ed eccole pronte!

Procuriamoci tutti gli ingredienti necessari nelle dosi indicate e iniziamo a preparare le golose frittelle di riso Bimby.

Categoria: Dolci con il Bimby

4,3/5 Vota
Su un totale di voti: 13
  Photo credits:
Tempo 30 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Ingredienti per 4 persone

riso 200 g di riso (Arborio o Carnaroli)
uovo 2 uova medie
latte 600 g di latte intero
farina 00 250 g di farina 00
lievito 1/2 bustina di lievito per dolci
zucchero 125 g di zucchero semolato
estratto di vaniglia q.b. estratto di vaniglia liquida
limone 1 limone non trattato
arachidi q.b. olio di semi di arachidi
zucchero a velo q.b. zucchero a velo

Preparazione

Come fare le Frittelle di riso con il Bimby

Iniziamo a preparare le frittelle di riso versando nel boccale il latte a temperatura ambiente. Uniamo qualche goccia di vaniglia e scaldiamo il tutto per 4 minuti a 100° a velocità 1.

Trascorso il tempo indicato aggiungiamo il riso e cuociamo per 12 minuti sempre a 100° a velocità 1.

Quando il riso sarà cotto, versiamolo in una terrina. Lasciamolo raffreddare bene a temperatura ambiente. Ricopriamolo con la pellicola trasparente e riponiamolo successivamente almeno un'ora in frigorifero.

Dopo aver lavato e asciugato accuratamente il boccale, mettiamo nel Bimby lo zucchero semolato assieme alla scorza del limone. Polverizziamo a velocità 8 per 10 secondi.

Incorporiamo le uova e mescoliamo 20 secondi a velocità 5.

Versiamo nel boccale il riso cotto nel latte oramai freddo e mescoliamo per 5 secondi alla velocità 4.

Incorporiamo la farina, la mezza bustina di lievito e amalgamiamo l’impasto delle frittelle per 20 secondi a velocità 4.

Intanto versiamo l’olio nella padella e mettiamolo sul fuoco a fiamma vivace. Quando avrà aggiunto una temperatura di circa 170°, preleviamo un po’ di impasto con un cucchiaino e versiamolo nell’olio per creare la prima frittella. Friggiamone 2-3 alla volta per evitare che la temperatura dell'olio si abbassi troppo. 

Proseguiamo in questo modo fino a terminare tutto l’impasto. Le frittelle saranno pronte quando avranno assunto un bel colore dorato.

Scoliamole con una schiumarola e sistemiamole sopra un vassoio coperto di carta assorbente.

Prima di portarle in tavola, cospargiamole con abbondante zucchero a velo per renderle ancora più golose.

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 13, Media voti: 4.3

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Possiamo aromatizzare l'impasto anche con scorza di arancia o cannella.

    È possibile controllare la temperatura dell'olio con lo stuzzicadenti: se inizierà a sfrigolare dopo averlo immerso, l'olio avrà raggiunto la temperatura giusta.

    Se non le consumiamo subito (cosa consigliata), conserviamole per un giorno a temperatura ambiente, coperte da una campana di vetro.

    Per quale occasione

    Le Frittelle di riso con il Bimby sono ottime per festeggiare San Giuseppe o il Carnevale.

    La video ricetta del giorno

    Hai provato la ricetta?

    Hai dubbi o domande?

    Accedi per commentare

    Potrebbero interessarti anche