Crema diplomatica

4,6/5 Vota
Su un totale di voti: 22
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Crema diplomatica
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 30 min
Difficoltà Facile
Porzioni 6
Costo Basso

La crema diplomatica (chiamata anche crema chantilly all'italiana) è una della preparazioni base della pasticceria: si ottiene dall'unione di crema pasticcera e crema chantilly e viene aromatizzata, in base ai gusti, con scorza di limone o vaniglia.

Perfetta per farcire la torta diplomatica, torte di compleanno a strati, millefoglie, crostate di frutta, bignè, cannoncini e tartellette o semplicemente per preparare delle coppette monoporzioni con frutta fresca e biscottini secchi.

In questo ultimo caso, basteranno pochissimi passaggi per creare un dessert facile e veloce ma di grande effetto. È possibile, per esempio, alternare strati di crema diplomatica a savoiardi o pavesini imbevuti leggermente nel latte e decorare poi i bicchierini con mirtilli, fragole e frutti di bosco. Una fogliolina di menta in superficie e il dolce è servito.

Prepararla è davvero semplice, l'unico accorgimento è quello di mescolare per bene la crema pasticcera in modo che non si formino grumi e non si attacchi sul fondo del pentolino durante la cottura.

Per montare la panna in modo perfetto, basterà poi lasciare in frigorifero o in freezer per almeno 30 minuti sia la ciotola che si utilizzerà, sia le fruste.

Gli albumi avanzati possiamo utilizzarli per realizzare una torta di albumi al cioccolato!

Ecco come preparare la crema diplomatica a regola d'arte! Con le nostre dosi otteniamo circa 900 g di crema. 

Categoria: Dolci

panna 300 ml di panna per dolci
tuorlo 4 tuorli
zucchero 100 g di zucchero semolato
farina 00 30 g di farina 00
latte 500 ml di latte intero
limone la scorza di 1 limone biologico non trattato
zucchero a velo 40 g di zucchero a velo

Preparazione

Come fare la Crema diplomatica (crema chantilly all'italiana)

Mettiamo il latte in un pentolino e mettiamolo sul fuoco, a fiamma media, insieme alla scorza di limone tagliata grossolanamente (non grattugiata). 

Scaldiamo senza però portare ad ebollizione.

Nel frattempo, a parte, montiamo con la frusta elettrica i tuorli insieme allo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso e omogeneo.

Una volta che tuorli e zucchero sono ben amalgamati, aggiungiamo anche la farina setacciata, poco alla volta. Continuiamo a mescolare. 

Prima di aggiungere il latte ormai caldo, togliamo le scorze di limone. Versiamolo a filo, sempre mescolando con costanza.

Una volta che abbiamo unito i vari ingredienti, possiamo mettere di nuovo il pentolino sul fuoco, a fiamma moderata, fino a che non si formi una crema bella gialla, liscia e senza grumi.

In questa fase è importante mescolare con una frusta a mano, per evitare che il composto si attacchi sul fondo e si formino grumi.

Quando la crema si è addensata e ha raggiunto la consistenza desiderata, trasferiamola in un altro recipiente, copriamolo con della pellicola alimentare, e lasciamo raffreddare completamente.

Quando la crema pasticcera sarà ormai freddata, possiamo procedere a montare la panna con lo zucchero a velo.

Uniamo molto delicatamente la panna alla crema pasticcera, utilizzando una spatola e con un movimento dal basso verso l'alto.

La crema diplomatica è pronta!

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 22, Media voti: 4.6

    Torna alla Ricetta

    Consigli

    Se vogliamo una crema dal colore più intenso, consigliamo di utilizzare delle uova a pasta gialla.

    Conserviamo la crema diplomatica in frigorifero, in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni.

    Eventualmente possiamo utilizzare anche della panna già zuccherata, omettendo quindi lo zucchero a velo.

    Per quale occasione

    Utilizziamo la crema diplomatica per farcire una torta di compleanno a più strati o crostate di frutta fresca.

    Vino da abbinare

     Trattandosi di una preparazione fresca, si abbina bene con vini liquorosi ma anche con spumante frizzante, ed è adatta a tutte le stagioni.

    Hai provato la ricetta?
    Hai dubbi o domande?

    Potrebbero interessarti anche