Pesca, proprietà e caratteristiche

Pesca, proprietà e caratteristiche
Photo credits:

La pesca è un frutto vellutato, dolce e squisito. Oltre al gusto delicato che lo rende perfetto per il confezionamento di confetture e dessert, questo frutto è benefico per il nostro organismo, poiché rinfrescante, dissetante e leggermente lassativo.

Analizziamo le caratteristiche della pesca, i suoi valori nutrizionali e come agisce sul nostro organismo. 

Pesca o Prunus Persica

Simbolo di immortalità e di lunga vita, la pesca o Prunus Persica nasce in Cina ed è coltivata da circa 5.000 anni. Oltre alla Cina, i paesi specializzati nella coltivazione di questo frutto sono: la Turchia, la Grecia, la Spagna e l'Italia. L'albero di pesco è robusto e può arrivare fino a un'altezza di 5 metri. In Italia, a seconda del clima temperato si riscontrano diverse varietà di pesca, la cui raccolta avviene da metà maggio fino a settembre.

Tipi di pesca

Possiamo distinguere tre tipi di pesche: la pesca comune a polpa gialla o bianca, la pesca nettarina e le percoche.

Le prime sono dotate di una buccia sottile e vellutata, la polpa è soffice, delicata e zuccherina. La pesca nettarina ha una polpa più consistente e una buccia liscia, la percoca dura più a lungo nel tempo ed è altrettanto consistente.

A seconda dell'ambiente in cui sono coltivate, possiamo differenziare questi frutti in base alla capacità che ha la polpa di staccarsi dal nocciolo; in questo caso alcune pesche sono dette spiccagnole o duracine se la polpa resta aderente all'osso. Degna di nota è anche la Saturnina siciliana, la cui forma schiacciata con anelli ricorda la fisionomia del pianeta Saturno. 

Il potere benefico della pesca

Costituita per l'88,8% da acqua, la pesca contiene pochi zuccheri (8,39%), un bassissimo contenuto in grassi e benefici minerali indispensabili per il nostro benessere. L'alto contenuto di potassio, fosforo, ferro, calcio e magnesio trasforma la pesca in un frutto rimineralizzante, ricostituente e tonificante.

Rinfrescante e depurativo, esso diventa un potente alleato per contrastare gli effetti dei radicali liberi, poiché ricco di antiossidanti presenti sia nella buccia che nella polpa. Quindi oltre a contrastare l'invecchiamento delle cellule, la pesca combatte svariate patologie croniche anche gravi, come i tumori e le malattie cardiache.

Uno studio scientifico infatti ha constatato che introdurre frutti come la pesca nella dieta giornaliera aiuta a potenziare le difese immunitarie alleviando anche lo stress ossidativo.
Già dopo soli 30 minuti dall'assunzione di questo frutto la vitamina A e il betacarotene fortificano le ossa, la pelle e i denti. In particolar modo è la buccia che concentra un'alta percentuale di acido caffeico, sostanza in grado di proteggere il nostro oganismo dall'aflatossina, una muffa cancerogena pericolosa e nociva.

Il potere antitumorale della pesca è svolto tramite i polifenoli e le sostanze carotenoidi che contrastano i tumori al seno, al colon e ai polmoni.
Uno studio svolto nel 2014 ha appurato che i pazienti colpiti da tumore al seno con l'assunzione di 2 0 3 pesche al giorno, hanno avuto effetti benefici. Ciò è dovuto all'azione dei polifenoli che bloccano la crescita delle cellule tumorali, preservando quelle sane.

Non perderti tutte le nostre ricette con le pesche.

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Salva nel tuo Ricettario

Hai domande o vuoi lasciare un commento?