Marmellata di albicocche

Una marmellata di albicocche fatta in casa con un metodo particolare e più semplice che mantiene un colore acceso e brillante e un profumo intenso e ricco.
4,6/5 Vota
Su un totale di voti: 123
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 45 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

La marmellata di albicocche è una delle più classiche e più amate di sempre, tanto dai bambini quanto dagli adulti!

Prepararla in casa e gustarla al mattino a colazione spalmata su fette di pane rustico tostato non ha prezzo: è uno dei modi migliori per iniziare la giornata!

In questa ricetta ho utilizzato il metodo FerberChristine Ferber, non a caso conosciuta come la fata delle confetture, ha messo a punto una modalità di preparazione di confetture e marmellate molto diversa da quella tradizionale, semplicissima e davvero sorprendente per il risultato che regala: il suo metodo garantisce che la frutta mantenga un colore acceso e brillante e un profumo intenso e ricco.

Fondamentalmente le fasi di preparazione sono due: prima la frutta va tagliata a piccoli pezzettini e portata solo al bollore insieme a zucchero e succo di limone e poi viene fatta macerare tutta una notte in frigorifero.
La seconda fase sarà protagonista del giorno successivo, quando basteranno pochi minuti di cottura per avere la nostra confettura di albicocche pronta da invasare.

La Ferber spiega che il riposo notturno che fa rilasciare il liquido sciropposo, permette anche di diminuire i tempi di cottura e conservare il gusto della frutta:

"Durante la cottura, poi lo zucchero si fonde e penetra dolcemente nella frutta per candirla.
Al momento dell’ebollizione, una parte di acqua contenuta nella frutta evapora, i succhi si trasformano, grazie all’azione della pectina unita all’acidità della frutta, conferendo così la “texture” caratteristica di una confettura"

Provate il metodo Ferber e non lo lascerete più!

Una precisazione: la Ferber usa un rapporto 1:1 tra zucchero e frutta. Io in questa ricetta ho dimezzato le dosi dello zucchero senza inficiare gusto e conservazione: se ne guadagna invece in salute!

Vediamo allroa come si prepara la marmellata di albiocche fatta in casa.

Categoria: Marmellate

albicocca 1.3 kg albicocche al netto degli scarti
limone il succo di 1 limone e mezzo
zucchero 500 g di zucchero

Preparazione

Come fare la Marmellata di albicocche

Marmellata di albicocche - p1
Marmellata di albicocche - p2

Lavate delicatamente le albicocche, togliete il nocciolo e tagliatele a piccoli pezzettini [1].
Versatele in una casseruola insieme al succo di limone e allo zucchero: mescolate e fate riposare per 1 ora in frigorifero [2].

Marmellata di albicocche - p3
Marmellata di albicocche - p4

Vedrete che si sarà formato del liquido [3].
Portate quindi la pentola sul fuoco, fate raggiungere il bollore e spegnete subito la fiamma [4]. Fate raffreddare completamente, coprite con il coperchio e mettete in frigorifero per una notte.

Marmellata di albicocche - p5
Marmellata di albicocche - p6

La mattina successiva riprendete la pentola e versatene il contenuto in uno scolapasta in modo da dividere la frutta dal liquido che si è creato nella macerazione della notte [5].
Rimettete quindi il liquido nella pentola e portatelo a bollore. Abbassate la fiamma e fate cuocere per 15 minuti. Diventerà sciropposo [6].

Marmellata di albicocche - p7
Marmellata di albicocche - p8

Aggiungete a questo punto le albicocche tenute da parte e fate cuocere altri 15 minuti dal bollore [7].
Spegnete la confettura e mettetela subito bollente nei vasetti sterilizzati. Chiudete con le capsule, capovolgete i vasetti e fate raffreddare perfettamente prima di gustare[8].

 

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 123, Media voti: 4.6

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    La confettura di albicocche si conserva in dispensa per un massimo di 12 mesi. Una volta aperto il barattolo, va conservato in frigorifero e consumato entro 10 giorni.

    Potete aumentare la quantità di zucchero, come da ricetta della Ferber, a seconda del vostro gusto personale. Lei utilizza un rapporto di 1:1 tra frutta e zucchero, tuttavia io ho deciso di di-minuirlo di poco più della metà: il sapore non ne risente assolutamente e ne guadagnerete in salute!

    Il consiglio più importante è di tagliare la frutta a pezzetti molto piccoli visto che nei tempi ridotti di cottura non si disferà. Questa è l'operazione più lunga, ma una volta provato il risultato non vi peserà affatto rifarlo!

    Per sterilizzare i vasetti in modo rapido e semplice potete procedere in questo modo:  lavateli, asciu-gateli con un panno pulito e passateli per 2 minuti al microonde alla massima potenza. Fate invece bollire in acqua le capsule e asciugatele con un panno intonso.
    Se volete essere ancora più sicuri di eliminare qualunque rischio di sviluppo di batteri nelle vostre conserve casalinghe potete procedere alla doppia sterilizzazione: dopo l'ultimo passaggio della ricetta, inserite i barattoli in una capiente pentola e copriteli completamente con acqua fredda.
    Mettete sul fuoco e fate raggiungere il bollore. Fate quindi sobbollire per 25 minuti. Lasciate raffreddare i vaset-ti nell'acqua, scolateli, asciugateli e conservateli in dispensa!

    Non è possibile congelare la marmellata di albicocche fatta in casa.

    Potete aromatizzare la vostra confettura con i semini di un baccello di vaniglia, oppure con una fava tonka grattugiata: in questo caso dovrete unire l'aroma nel passaggio numero 2.

    Una meravigliosa variante di questa confettura estiva consiste nell'usare metà pesche e metà albicocche.

    Potete preparare questa ricetta anche usando zucchero di canna al posto dello zucchero bianco

    La video ricetta del giorno

    Potrebbero interessarti anche