Abbinamento pasta e sughi: quali sono i migliori?

Abbinamento pasta e sughi: quali sono i migliori?
Photo credits:

La pasta lo sappiamo tutti ha tantissimi formati, molti dei quali sono stati creati proprio per adattarsi ad un certo tipo di condimento o di utilizzo. Non è solo una questione di gusti personali.

Ogni formato ha precise caratteristiche che gli permettono di esaltare le qualità del condimento.

Per cui che si tratti di pasta corta o lunga, formato tradizionale o innovativo, liscia o rugosa, sta a noi capire quale sugo meglio si adatta.
Abbinare il giusto formato al tipo di condimento è davvero la chiave per avere sempre piatti di pasta eccellenti.

In genere occorre ricordare la seguente regola: i formati più grandi e rugosi ben si adattano a sughi complessi, mentre quelli lisci e piccoli stanno bene con condimenti semplici e leggeri.

I giusti abbinamenti per i formati di pasta lunghi

La pasta lunga e ruvida ha il pregio di trattenere bene il condimento.
Spesso si tratta di formati trafilati al bronzo, oppure all'uovo. Il classico abbinamento con questi tipi di pasta è il con il ragù, con il sugo di carne o di cacciagione.
Si tratta di primi molto sostanziosi e tipici della cucina tradizionale.
La rugosità tipica di questi formati permette di trattenere bene il sugo e di apprezzarne pienamente il sapore.

Tagliatelle, pappardelle, lasagnette sono solo alcuni dei formati che meglio si adattano a sughi elaborati ma non solo.
Tra questi in particolare le tagliatelle sono il formato più adatto anche per sughetti di pesce, condimenti a base di tartufo, funghi e formaggi. Questi formati di pasta riescono ad esaltare la complessità del condimento senza appesantirne l'abbinamento.

Formato lunghi ma ad una rugosità minore come linguine, spaghetti, vermicelli sono invece da preferire per i condimenti a base di pesce, sugo al pomodoro fresco, molluschi e crostacei.

Quando si tratta di abbinare condimenti semplici e veloci con olio, peperoncino, aglio o acciughe in genere si può puntare sugli spaghetti. I formati tradizionali a pasta lunga infatti ben si accoppiano con sughi casalinghi, semplici e freschi.
Altre tipologie di pasta come i tagliolini e i capelli d'angelo possono essere usati per preparazioni in brodo e condimenti a base di uova o in cui il burro è molto presente.

La pasta corta e i migliori abbinamenti

Penne, mezze penne, fusilli, maccheroni, farfalle sono solo alcuni tra i più famosi formati di pasta corta tipici della tradizione.

In questo caso la forma è la caratteristica fondamentale che occorre valutare per decidere il condimento più adatto. Se la pasta è rigata, ad esempio i maccheroni o le mezze maniche, potrà trattenere meglio il sugo per cui salse dense e omogenee possono essere perfettamente esaltate da questi formati.

Forme più piccole come le pipette, i sedanini e la gramigna sono ottime per minestre dense e legumi. La pasta liscia invece è ottimamente abbinabile a sughi a base di panna e formaggi.

Formati attorcigliati come i fusilli si adattano perfettamente ai condimenti semplici, alle salse a base di ortaggi e ai sughi veloci fatti con il pomodoro fresco.

Le farfalle sono ottime per condimenti cremosi a base panna e formaggi ma sono assolutamente indicate anche per la preparazione di insalate di pasta e piatti freddi.
I diversi formati di dimensione piccola e medio piccola come i tubetti trovano una collocazione perfetta in brodi, zuppe e minestre mentre in abbinamento con legumi sono particolarmente indicate le caserecce.

Per piatti semplici di pomodoro fresco e basilico oppure veloci sughetti di mare sono ottimi gli gnocchetti sardi.

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Salva la Ricetta Salva nel tuo Ricettario

Hai domande o vuoi lasciare un commento?