Come utilizzare l'aglio in cucina

Come utilizzare l'aglio in cucina
Photo credits:

L'aglio è una pianta i cui bulbi sono largamente utilizzati in cucina sia cotti che crudi per preparare vari piatti.

Ricco di sostanze benefiche naturali, ne esistono diversi tipi: quello bianco molto diffuso per il suo sapore forte; quello rosso ricco di antiossidanti dal gusto deciso ma dolce e quello rosa molto più delicato.

Considerato un antibiotico naturale, l’aglio ha proprietà antibatteriche e depurative tanto che viene utilizzato per curare vari disturbi.

Come cucinare l'aglio

I bulbi dell’aglio si prestano per la realizzazione di ricette a base di carne, pesce, verdure e per creare condimenti, insalate e altre pietanze dal sapore deciso. Essi possono essere impiegati in vari modi: 

Aglio in camicia

Gli spicchi non vengono privati della buccia, ma leggermente schiacciati per far rilasciare i profumo e inseriti nella preparazione per poi essere tolti a fine cottura.

Aglio tagliato

I bulbi vengono sbucciati e dopo averli divisi in due, separati dal germoglio centrale, detto anche anima, reputata difficile da digerire. In alternativa, possono essere tritati o fatti a lamelle, per essere fritti o impiegati per completare il piatto.

Olio aromatico

L’aglio si presta per le realizzazioni di un olio aromatico perfetto da usare come condimento per insalate e altri piatti. Per prepararlo, è necessario mettere nell’olio gli spicchi o la testa divisi in due e portare il tutto a una temperatura di massimo 70°C per alcuni minuti. Togliere dal fuoco, lasciare raffreddare il liquido prima di filtrarlo e conservarlo in una bottiglia di vetro.

Hai mangiato dell'aglio? Ecco alcuni rimedi contro l’alito cattivo

Uno dei difetti dell’aglio è di generare un alito pesante dopo l’ingestione e di lasciare un odore persistente sulle mani. Esistono alcuni rimedi della nonna e trucchi per ovviare a tali inconvenienti.

Il caratteristico odore dell’aglio è dovuto alla presenza al suo interno di composti organici a base di zolfo, che una volta assorbiti dall’organismo rilasciano molecole odorose che attraverso il flusso sanguigno raggiungono i polmoni e causano l’alito cattivo.

- Masticare qualche chicco di caffè

- Masticare chiodi di garofano

- Masticare foglie di salvia fresca o prezzemolo

- Masticare semi di coriandolo, anice e finocchio o un bastoncino di liquirizia

- Sciacquare i denti con acqua e limone o bicarbonato di sodio

- Bere un bicchiere di latte o uno yogurt prima o durante il pasto. In base a una ricerca pubblicata sul "Journal of Food Science", il latte è in grado detergere la bocca e il grasso in esso contenuto di neutralizzare lo zolfo, aiutando a prevenire l’alitosi. 

- Bere una tazza di tè verde, durante e dopo il pasto, può essere un’altra valida soluzione contro l’alito cattivo, così come assumere una pastiglia di carbone vegetale o consumare a fine pasto ananas, mele, frutti di bosco, kiwi e frutta che contiene sostanze che neutralizzano l’azione dei composti organici a base di zolfo.

Come togliere l'odore di aglio dalle mani

È normale che, dopo aver utilizzare l'aglio per cucinare, il suo odore rimanga sulla mani. Ecco alcuni rimedi per eliminarlo: 

- Strofinare le mani con aceto bianco mischiato a poco olio di oliva:

- Sciogliere qualche cucchiaino di bicarbonato in pochissima acqua e sciacquare bene le mani.

- Strofinare uno spicchio di limone sulle mani

- Strofinare le mani con un trito di prezzemolo fresco o di basilico;

- Strofinare le mani con il dentifricio lasciando agire per qualche minuto

Ricette con l'aglio

Scopri tutte le nostre ricette con l'aglio.

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Salva nel tuo Ricettario

Hai domande o vuoi lasciare un commento?