Spaghetti all'amatriciana

Gli spaghetti all'amatriciana sono un classico della cucina romana e hanno origine nella cittadina di Amatrice, in provincia di Rieti. Ecco la Ricetta.
4,3/5 Vota
Su un totale di voti: 41
  Photo credits:

Presentazione

Tempo 20 min
Difficoltà Facile
Porzioni 4
Costo Basso

Gli spaghetti all'amatriciana (in romanesco matriciana) sono un classico della cucina romana ed hanno origine nella piccola cittadina di Amatrice, in provincia di Rieti.

Rappresentativo di tutto il gusto della sana alimentazione mediterranea, il piatto non manca di nulla.

Pasta, pomodori e un tocco di sapore dato dal guanciale: l'amatriciana è il piatto ideale per chi ha poco tempo per cucinare, ma ci tiene a sorprendere i propri ospiti con sapori unici e straordinari.

Vediamo insieme come preparare gli spaghetti all'amatriciana secondo la ricetta originale.

Categoria: Primi

spaghetti 400 g di spaghetti
guanciale 200 g di guanciale di maiale
vino bianco 150 ml di vino bianco
pomodoro 500-600 g di pomodori Perini maturi (o varietà Ramato)
peperoncino q.b. peperoncino secco tritato
sale e pepe q.b. sale e pepe
pecorino q.b. pecorino romano grattugiato
olio q.b. olio extra vergine di oliva

Video Ricetta

Passo Passo

Preparazione

Come fare gli Spaghetti all'amatriciana

Passaggio 1
Passaggio 2

Mentre gli spaghetti cuociono in abbondante acqua bollente salata [1] dedichiamoci alla preparazione del sugo iniziando a scaldare in padella un po' di olio extra vergine. [2]

Passaggio 3
Passaggio 4

Versiamo il guanciale di maiale a cubetti (o a striscioline) [3] e facciamolo rosolare per un paio di minuti, senza aggiungere olio. [4]

Passaggio 5
Passaggio 6

Aggiungiamo il vino bianco [5] e lasciamolo evaporare, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. [6]

Passaggio 7
Passaggio 8

Versiamo ora i pomodori perini maturi tagliati a pezzi (in alternativa vanno bene anche i pomodori ramati) [7] e facciamo cuocere il tutto per 5-10 minuti. Il sugo sarà pronto quando le bucce di pomodoro inizieranno a staccarsi dalla polpa. [8]

Passaggio 9
Passaggio 10

A questo punto insaporiamo il sugo con sale, pepe e peperoncino secco tritato. [9]
Scoliamo gli spaghetti al dente, versandoli direttamente nella padella con il sugo e lasciamo saltare qualche minuto a fuoco alto. [10]

Passaggio 11

Impiattiamo i nostri spaghetti all'amatriciana guarnendoli con una spolverata di pecorino grattugiato ed una macinata di pepe nero. [11]

Seguici su Facebook Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Facebook

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 41, Media voti: 4.3

    Torna alla Ricetta

    Consigli e Varianti

    Per preparare la pasta all'amatriciana consigliamo di utilizzare spaghetti o bucatini.

    Non aggiungete olio per far rosolare il guanciale: durante la rosolatura rilascerà il suo grasso, che basterà a creare la base giusta per insaporire il sugo.

    Noi abbiamo aggiunto pepe e peperoncino, ma in base ai gusti possono essere omessi.

    Sconsigliamo la congelazione, ma di gustarla sul momento.

    Prima di utilizzare il guanciale, va tolta la cotenna ed è molto importante che le parti grasse siano bianche: le eventuali parti gialle vanno rimosse poiché, con il loro retrogusto rancido, andrebbero a modificare il sapore finale del piatto.

    Per quale occasione

    La pasta all'amatriciana è perfetta per un pranzo o una cena all'insegna della tradizione l'amatriciana è perfetta.

    Vino da abbinare

    Il sapore dell'amatriciana va esaltato con un vino che abbia un gusto decisamente delicato e che possibilmente sia laziale.
    I vini consigliati sono sostanzialmente due ed entrambi Di Origine Controllata. Il primo vino è un bianco, il Frascati Superiore, dal sapore estremamente morbido, asciutto al punto giusto per accompagnare la sensazione leggera di grasso data dal guanciale e con una gradazione alcolica di undici gradi.

    La temperatura con cui servirlo varia tra gli otto e gli undici gradi. Il secondo vino è un rosso, il Velletri, prodotto esclusivamente a Roma e Latina.
    Va servito ad una temperatura superiore rispetto al primo, diciotto gradi ed ha un profumo molto intenso, un coloro rosso rubino intenso ed un gusto amabile.

    Curiosità

    La vera ricetta dell'amatriciana prevede rigorosamente l'uso degli spaghetti e non dei bucatini. Basti pensare che all'ingresso della città di Amatrice sono presenti più cartelli di benvenuto con la dicitura "Amatrice, Città degli spaghetti".

    Pancetta o guanciale? Gli chef sono tutti concordi nel dire che, in preparazioni come la pasta alla carbonara o appunto l'amatriciana, è il guanciale il vero re della ricetta e non va assolutamente sostituito con la pancetta. Il sapore del guanciale è più delicato e quasi dolciastro, il che lo rende perfetto per unirsi al Pecorino Romano.

    Entrambi i tagli provengono dal maiale, ma la pancetta si ricava dalla parte ventrale di quest'ultimo, mentre il guanciale è il risultato della lavorazione della guancia del maiale.

    Potrebbero interessarti anche