Sangria rossa spagnola

4,1/5 Vota
Su un totale di voti: 74
Come si prepara, quali sono gli ingredienti e come si presenta a tavola.
Sangria rossa spagnola
  Photo credits:
Tempo 130 min
Difficoltà Facile
Porzioni 8
Costo Basso

Presentazione

Le calde serate estive sono ideali per gustare un buon bicchiere di sangria, la bevanda di origine spagnola a base di vino, zucchero e frutta che conquista per il suo gusto e la sua freschezza.

Una bevanza fresca e dissetante, con le note speziate della cannella e dei chiodi di garofano, ottima da gustare sia come aperitivo prima di un pranzo tra amici sia come cocktail a fine serata. 

Nonostante richieda tempi un po' lunghi, che servono a consentire che il gusto degli ingredienti e gli aromi delle spezie si mescolino tra loro, preparare la sangria è piuttosto semplice e anche abbastanza economico, anche se il costo complessivo può variare in base alla qualità del vino e della frutta che si sceglie per prepararla.
Consigliamo, inoltre, di non acquistare vini che hanno già all'interno le spezie, ma preferire un vino giovane. 

Avremo bisogno di frutta abbastanza soda, quindi non troppo matura: questa caratteristica ci consentirà di tagliarla a cubetti e a fettine in modo più semplice ed evitare che si spappoli poi una volta che la sangria è pronta.

Serviamola in bicchieri capienti, mettendo al loro interno prima la frutta e poi la parte liquida. Se gli ospiti la preferiscono fredda, accompagnatela con cubetti di ghiaccio a parte.

Vediamo come preparare circa 2,5 litri di sangria.

Scopri anche come preparare il Mojito!

Categoria: Cocktail e Aperitivi

vino rosso 1.5 l di vino rosso corposo (Bonarda non frizzante o Cannonau sardo o Salice Salentino)
0.75 l di gassosa 0.75 l di gassosa
limone 2 limoni
arancia 2 arance
pesche 2 pesche gialle
mela 2 mele
zucchero 80 g di zucchero (bianco o di canna)
cannella 1 stecca di cannella
baccello di vaniglia 1 baccello di vaniglia
3 chiodo di garofano 3 chiodo di garofano
50 g di cognac (facoltativo) 50 g di cognac (facoltativo)

Preparazione

Come fare la Sangria rossa

La frutta deve essere piuttosto soda (ma non acerba) e gli agrumi andrebbero scelti naturali, non trattati con sostanze chimiche.

Iniziamo a spremere un limone e un'arancia e teniamo il succo da parte. Tagliamo l'altro limone e l'altra arancia metà a fette e metà a cubetti (senza togliere la buccia). 

Dopo averle lavate e mantenendo la buccia, tagliamo a cubetti le pesche e le mele, disponiamole in una terrina con gli agrumi tagliati e cospargiamole con lo zucchero e il succo degli agrumi filtrato. Uniamo il vino rosso e mescoliamo per bene.

Aggiungiamo a questo punto la cannella, la vaniglia e i chiodi di garofano, 

In ultimo versiamo il cognac, copriamo la ciotola con la pellicola trasparente e lasciare in frigorifero per qualche ora, o, se avete tempo, tutta la notte. 

Trascorso il tempo, eliminare la bacca di vaniglia e le spezie, poi aggiungere la gassosa. Mescolare per bene, riporre in frigorifero per raffreddare nuovamente e servire. 

Non perderti nemmeno una ricetta Seguici su Google News

Ti è piaciuta la ricetta?

Esprimi il tuo Voto da 1 a 5:
    1 2 3 4 5 Totale Voti: 74, Media voti: 4.1

    Vai alla Ricetta

    Consigli

    Esistono diverse varianti di sangria: alle pesche e alle mele possono essere aggiunti anche altri tipi di frutta, secondo i gusti di chi la prepara o degli ospiti a cui la si offre, purché non sia mai troppo matura, per evitare che si spappoli nel vino

    E' inoltre possibile preparare anche una versione chiara di sangria, sostituendo il vino rosso con spumante o vino bianco.
    Infine, se si desidera ottenere un gusto meno dolce, è possibile sostituire la gassosa con della soda.

    Consigliamo di spremere l'arancia e utilizzare il suo succo evitando di acquistare quello confezionato. 

    Al posto del cognac è possibile usare del contreau o del brandy, in base ai gusti.
     

    Hai provato la ricetta o hai domande?

    Potrebbero interessarti anche

    Commenti degli utenti (2)

    Roberto Baldi
    lunedì 22 ottobre 2018

    Complimenti per la chiarezza delle vostre ricette

    Rispondi
    Ricetta.it
    ha scritto: lunedì 22 ottobre 2018

    Grazie Roberto! :-)

    Rispondi