Come conservare le castagne

Le castagne sono un frutto tipicamente autunnale e per la precisione, possiamo deliziarci con questo prodotto, dal mese di settembre fino a novembre.

A chi ha la possibilità di andare per boschi a raccoglierle, o semplicemente per chi ama questo frutto e vorrebbe consumarlo anche fuori stagione, può interessare sapere che esistono diversi modi per conservare le castagne, sia crude che cotte.
Scopriamo insieme i vari metodi.

Come conservare le castagne crude

Ecco quattro metodi casalinghi per conservare le castagne crude, a seconda del tempo e dall'uso che se ne vuole fare.

1. Conservazione in freezer

Uno dei modi più semplici per conservare le castagne è quello di riporle negli appositi sacchetti da freezer e congelarle.
Affinché si abbia un buon risultato occorre precedentemente lavare le castagne, asciugarle e inciderne la buccia con un coltellino. Questo metodo ci permette di conservare le castagne per circa 6 mesi.

2. Conservazione in frigorifero

Se si vogliono conservare le castagne per un periodo più breve, circa 1 mese, il freezer è decisamente superfluo e possiamo accontentarci del frigorifero.
Mettiamole in un sacchetto e riponiamole in frigorifero ad una temperatura di circa 2-3°, o nella parte più fredda.

3. Conservazione per annegamento

Un metodo molto particolare di conservazione delle castagne è il cosiddetto metodo per annegamento o novena, ovvero l'immersione delle castagne in acqua per un periodo di nove giorni.
Occorre munirsi di un recipiente abbastanza capiente, riempirlo con dell'acqua a temperatura ambiente e poi immergervi le castagne. Durante i primi 2-3 giorni dobbiamo far attenzione ad eliminare le castagne che vengono a galla e buttarle via.
Inoltre, per i primi 4 giorni occorre cambiare metà dell'acqua, con dell'acqua pulita, mentre dal quinto all'ottovo giorno occorre sostituirla completamente.
Il nono giorno togliamo dal recipiente le castagne e mettiamole ad asciugare, preferibilmente sopra delle tavole di legno. Una volta asciutte, riponiamole dentro delle cassette: con questa tecnica possiamo conservarle per circa 2-3 mesi.

4. Conservazione sotto la sabbia

L'ultimo metodo casalingo per la conservazione delle castagne è quello di usare la sabbia come materiale protettivo.
In un recipiente abbastanza capiente, realizziamo un primo strato di sabbia su cui adagiare le castagne: proseguiamo con un altro strato si sabbia e a seguire un altro di castagne, fino ad esaurire tutti i frutti, completando con con la sabbia. Ricordiamoci però di non realizzare cumuli eccessivi, che superino i 20 cm di altezza.
In alternativa alla sabbia possiamo utilizzare della segatura, in questo caso però il tempo di conservazione diminuisce da 5-6 mesi a circa 2.

Come conservare le castagne cotte

Come anticipato, oltre a crude è possibile conservare le castagne già cotte. Sta a noi decidere il metodo di cottura, se bollite, al fornocaldarroste: elimininiamo la buccia e dopodiché, una volta raffreddate, trasferiamole negli appositi sacchetti per il freezer e congeliamole.
Con questa tecnica si conservano per circa 3 mesi.

Seguici su Google News Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News

Salva la Ricetta Salva nel Ricettario

Commenti degli utenti (2)

Adele Viganò
mercoledì 14 ottobre 2020

Grazie infinite per i vostri consigli e suggerimenti. Buona serata

Rispondi
Ricetta.it
ha scritto: giovedì 15 ottobre 2020

😊💖

Rispondi