Benefici e caratteristiche della cottura a vapore

Cuocere al vapore è uno dei metodi più validi che abbiamo a disposizione.
Semplice e veloce ci permette di avere ottimi piatti senza ricorrere all'uso dei grassi in cottura e soprattutto evita la dispersione delle sostanze nutritive.
Quando si lessano le verdure molti sali minerali verranno dispersi nell'acqua, cosa che nella cottura al vapore non accade.
L'uso del vapore in cucina è una pratica antichissima ed è tipica della tradizione orientale dove da secoli si ricorre all'uso dei tipici cestelli di bambù per cuocere verdure, ravioli, pesce e carne.

Oggi, grazie alla diffusione della cucina orientale in Europa e negli Stati Uniti, questo metodo di cottura ha raggiunto un sempre maggiore numero di estimatori.

Caratteristica fondamentale della cottura a vapore è il non far mai entrare in contatto diretto l'acqua con la pietanza.
Il cestello infatti tiene separato il cibo dalla poca acqua necessaria posta al fondo della pentola.
Come risultato si avranno cotture perfette, cibo integro nel contenuto di sostanze nutritive e anche di colore più vivo e fresco rispetto alla classica bollitura.

Benefici e caratteristiche della cottura a vapore

Cuocere al vapore: piatti salutari in poco tempo

La cottura al vapore è universalmente riconosciuta come uno dei migliori metodi per mantenere intatte le caratteristiche nutrizionali del cibo.
Non solo il contatto con l'acqua di cottura altera la qualità del cibo, ma anche la piastra o la griglia a secco causano evidenti alterazioni. Inoltre il fatto di non usare grassi e condimenti ci aiuta a controllare meglio il colesterolo e a mantenere la linea.
Questo metodo è particolarmente indicato per cuocere i vegetali che sono, tra i diversi alimenti, quelli più delicati e maggiormente soggetti a disperdere i sali minerali e a degradare le vitamine in caso di tempi prolungati o elevati shock termici durante la fase di cottura.

Non solo le verdure sono adatte alla cottura al vapore, anche le carni possono risultare maggiormente sane e leggere.
Con un po' di creatività possiamo davvero cuocere quasi tutto nel nostro cestello a vapore.
La tecnica è semplice, è necessario porre nel contenitore di cottura un poco di acqua fredda. Questa con il calore evaporerà producendo il vapore che andrà a cuocere il cibo posto nel cestello forato.
L'unico accorgimento è quello di evitare assolutamente il contatto dell'acqua con il cibo per scongiurare la perdita delle sostanze nutritive.

In genere i tempi di cottura sono brevi per le verdure e un poco più lunghi per la carne. Per non allungare troppo i tempi di cottura occorre introdurre il cibo tagliato a pezzi abbastanza piccoli e, nel caso della carne, evitare assolutamente bistecche o pezzi con l'osso.
Sconsigliati ache i pezzi troppo grassi, perchè sono necessarie temperature più alte per sciogliere il grasso della carne e renderlo commestibile. Introduicendo piccoli pezzi si riesce a garantire una cottura rapida e soprattutto uniforme.
Il sapore risulterà più intenso e gradevole portando naturalmente a ridurre il quantitativo di sale e aromi, mentre il colore delle verdure rimarrà più brillante visto che non c'è stato il contatto diretto con l'acqua bollente. 

Benefici e caratteristiche della cottura a vapore

Gli utensili per la cottura a vapore

Per cuocere al vapore è necessario procurarsi i giusti strumenti. Se abbiamo a disposizione una classica pentola in acciaio possiamo optare per un cestello forato metallico dotato di piedini. Una volta inserita l'acqua si posizionerà all'interno della pentola il cestello, a questo punto si aggiungono le pietanze da cuocere. La pentola deve essere chiusa con il coperchio e l'acqua non deve mai entrare in contatto diretto con gli alimenti. Altra semplice alternativa possono essere i tradizionali cestelli in bambù che hanno il vantaggio di essere impilabili, rendendo così possibile la cottura multipla di diversi cibi.

Due aspetti vanno tenuti sempre in considerazione: non mettere troppa acqua perchè bollendo questa sale di livello e può andare in contatto con l'alimento (che quindi sarà bollito) e usare sempre il coperchio: riduce i tempi di cottura e aiuta a non disperdere calore. 

Per la cottura a vapore c'è poi chi usa il forno a microonde, il Bimby o la pentola a pressione, ma un'ottima e pratica soluzione è anche la vaporiera elettrica, dotata di vaschetta per l'acqua e timer per regolare il tempo di cottura. 

Seguici su Google News Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News

Salva la Ricetta Salva nel Ricettario

Commenti degli utenti (2)

Michele
giovedì 17 giugno 2021

Buongiorno, io cucino per la mia bamba tutte le verdure a vapore con Nuvita baby, ma per paura che non siano cotte per bene esagero con i tempi di cottura. Può essere un problema? Grazie Michele

Rispondi
Ricetta.it
ha scritto: giovedì 17 giugno 2021

Ciao Michele, ti consigliamo di rivolgerti al pediatra per avere una risposta autorevole

Rispondi